Un robot che traduce la lingua dei segni: primo premio nazionale per l’IIS Volta di Frosinone

Il progetto premia le scuole che, in collaborazione con aziende leader del settore ICT, hanno saputo ideare progetti innovativi in ambito digitale

0
21 Numero visite
PUBBLICITA

di Antonio Visca

PUBBLICITA

La Commissione di Valutazione di Anitec-Assinform ha scelto i progetti cui andrà il «Premio Nazionale sull’Innovazione Digitale» giunto alla terza edizione, promosso da Anitec-Assinform – l’Associazione per l’Information and Communication Technology (ICT) di Confindustria, nato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e rivolto alle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado.

Il Premio fa parte dell’iniziativa “Repubblica Digitale” del Dipartimento per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è patrocinato dal Consiglio Nazionale dei Giovani e rientra nelle attività dell’Anno Europeo dei Giovani 2022 promosso dalla Commissione Europea.

Il progetto lanciato il 15 febbraio premia le scuole che, in collaborazione con aziende leader del settore ICT, hanno saputo ideare progetti innovativi in ambito digitale, considerando anche il loro potenziale per l’avvio di attività di impresa. L’Associazione ha assegnato ai 4 progetti vincitori un contributo di 2.500 euro ciascuno e ha previsto una visita guidata al Polo scientifico di Trieste (Area Science Park) o al Polo scientifico di Genova, nella primavera 2023.

Tra i progetti scelti anche quello dell’IIS Alessandro Volta di Frosinone, “Androide BROTHER LIS + Braille”.

Il progetto, che si è aggiudicato il primo premio nella Categoria “ICT e Disabilità: come il digitale favorisce l’inclusione”, è composto da due prototipi. Il primo è Brother, un androide collaborativo stampato interamente in 3D e composto da due microcontrollori, 36 servomotori, una kinect, un sensore pir, sensori di distanza ultrasuoni, un microfono, un altoparlante e due microcamere, da cui dovrà tracciare i punti del corpo per decodificare, tramite l’intelligenza artificiale, la lingua italiana dei segni. Il secondo prototipo è una matrice braille, con all’interno un microcontrollore dotato di Wi-fi.

Gli studenti del Team Digilab Volta dell’IIS Volta di Frosinone che andranno alla premiazione e che hanno lavorato a questo specifico progetto sono: Valerio Calcagni, Cristian Lucia, Lorenzo Lisi

Preside: Maria Rosaria Villani

Professore referente del laboratorio: Antonio Iafrate

Il video del progetto

Il presidente di Anitec-Assinform Marco Gay ha così commentato: “Per la nostra Associazione lo sviluppo delle competenze digitali è una priorità, soprattutto quando si parla di giovani. Il Premio Nazionale sull’Innovazione Digitale è parte della nostra strategia sul tema della formazione e del lavoro del futuro e prevede azioni di awareness, progetti con le scuole per i giovani e proposte di policy. Il nostro impegno, in linea con quanto previsto dal PNRR, è rivolto a colmare il divario di competenze digitali nel Paese con soluzioni strutturali e continuative nel tempo. Con il Premio Innovazione Digitale possiamo confermare come la collaborazione scuola, impresa e istituzioni sia fondamentale con il doppio obiettivo per le future generazioni di far crescere il loro capitale di conoscenza e prepararli al mondo del lavoro. I ragazzi e le ragazze che hanno partecipato hanno mostrato, passione, interesse e spirito di squadra: skills fondamentali per affrontare la vita in un mondo in costante cambiamento”.

La Dirigente Anna Brancaccio membro della Commissione di Valutazione (Ministero dell’Istruzione e del Merito) ha così commentato: “Il progetto “Premio Innovazione Digitale” ha visto quest’anno la partecipazione di un discreto numero di scuole anche a indirizzo liceale, ma la cosa più significativa è stata la qualità dei progetti presentati, questo a rappresentare l’attualità dei temi proposti nel settore delle Digital Skills. Particolarmente significativa è stata la condivisione dei progetti con le aziende madrine che ha permesso agli studenti di addentrarsi in tematiche di attualità anche nel mondo del lavoro, ma soprattutto ha permesso loro di esprimere idee innovative e dare concretezza alla loro creatività”.

 

Notizia