Islanda: l’uso e l’abuso dell’isolamento per 22 ore al giorno in carcere, incluse persone con disabilità mentali

La denuncia di Amnesty International. Una misura utilizzata in modi che violano i diritti di coloro che sono in attesa di giudizio. Alcuni sospetti tenuti in segregazione totale per due mesi, in violazione di fondamentali diritti umani

0
454 Numero visite

ROMA L’Islanda sta abusando ampiamente dell’isolamento durante la detenzione preventiva, violando il divieto di tortura o altri trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti, con gravi conseguenze per gli accusati e per il loro diritto a un processo equo.

Lo denuncia Amnesty International in un nuovo rapporto pubblicato oggi. Amnesty chiede al governo islandese, che attualmente presiede il Consiglio d’Europa, di intraprendere riforme immediate e significative. Nel 2021, il 61% dei detenuti in custodia cautelare è stato posto in isolamento. Nei dieci anni precedenti, novantanove persone sono state sottoposte a “isolamento prolungato” per più di 15 giorni, violando il divieto internazionale di tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti.

Ottanta persone in cella per 22 ore al giorno. “Le autorità islandesi – ha detto Simon Crowther, consigliere legale di Amnesty International – sono consapevoli dei danni causati dall’isolamento e del loro uso eccessivo da anni. Eppure, ogni anno in media oltre 80 persone, compresi i bambini e alcune persone con disabilità intellettive, sono rinchiuse in celle da sole per oltre 22 ore al giorno. Le autorità devono affrontare i fatti. L’Islanda – ha aggiunto – sta violando il divieto di tortura e altri maltrattamenti, durante la sua presidenza dell’organismo responsabile della prevenzione e dell’eliminazione della tortura in Europa. Ha urgente bisogno di apportare cambiamenti significativi per prevenirlo”.

Isolati senza che il giudice lo sappia prima. Sebbene il ricorso all’isolamento possa essere consentito dal diritto internazionale, esso deve essere eccezionale, per il minor tempo possibile, ed essere soggetto a garanzie adeguate per garantirne l’uso. Niente di tutto questo è il caso in Islanda, dove le richieste della polizia di isolamento in custodia cautelare sono accettate quasi senza domande dai giudici. Il famigerato caso, di Guðmundur e Geirfinnur, in cui due uomini scomparvero a diversi mesi di distanza nel 1974, portò ad anni di indagini e revisioni, prima che sei persone confessassero e alla fine fossero condannate per il loro omicidio. Tutti i condannati erano stati tenuti in isolamento preventivo per periodi prolungati e sottoposti a pressioni e, in alcuni casi, a trattamenti abusivi. Cinque dei sei sono stati infine assolti nel 2018. Nel 2022 la sesta persona ha ricevuto le scuse del primo ministro per il trattamento che aveva subito.

La giustificazione: “Proteggiamo le indagini”. La relazione suggerisce che, sebbene questo grave errore giudiziario abbia messo in moto un allontanamento da periodi eccessivamente lunghi di isolamento, non è cambiato abbastanza e le persone sono ancora soggette a danni. Tenere una persona in isolamento prima del processo può essere considerata una forma di coercizione. La principale giustificazione addotta dalle autorità per l’uso dell’isolamento in Islanda è la “protezione delle indagini”, che Amnesty International non accetta. Un procuratore ha detto ad Amnesty International che l’isolamento era l’unico modo per garantire che i sospetti non avessero accesso a un telefono. Tuttavia, questa è una logica inaccettabile e non giustifica né spiega il suo uso nella custodia cautelare. Sono disponibili altre opzioni, tra cui la separazione dei detenuti da determinati individui e la limitazione dell’uso del telefono o il blocco di numeri specifici.

Bambini e persone con disabilità. Non ci sono garanzie per proteggere coloro che sono ad alto rischio di danni dall’essere posti in isolamento. Ciò include quelli con disabilità fisiche o intellettuali che potrebbero essere esacerbate dall’isolamento. Questo includerà alcune persone con condizioni neurodiverse. La polizia non controlla le persone per le condizioni di salute prima di richiedere l’isolamento. Anche le garanzie per proteggere i bambini dall’isolamento sono tristemente inadeguate. I giudici si fidano in modo schiacciante della polizia e approvano le richieste di isolare i sospetti con poco controllo. Un giudice ha detto ad Amnesty International che le decisioni serie sono state prese “troppo alla leggera” con troppo margine di manovra dato alla polizia.

Alcuni casi con testimonianze dirette. “Attraverso interviste ad avvocati e detenuti, Amnesty International è stata in grado di documentare numerosi casi in cui la fiducia solitaria è stata utilizzata su individui ad alto rischio di danni, in violazione delle leggi e degli standard internazionali sui diritti umani. Un avvocato ha detto all’Organizzazione per la difesa dei diritti umani che il suo cliente era così angosciato che gli sono stati “somministrati farmaci per rilassarlo”. Un ex detenuto che è stato messo in isolamento ha detto ad Amnesty International: “Ho un disturbo ossessivo-compulsivo ed è molto difficile per me stare da solo con la mia testa … Non credo che il team di salute mentale sappia che ce l’ho”.

I rischi dell’isolamento. Mettere in isolamento persone con disabilità psicosociali e bambini è contrario al divieto internazionale di tortura e altri maltrattamenti. Questo deve essere fermato immediatamente. I gravi effetti psicologici e fisiologici dell’uso dell’isolamento sono stati ben documentati. Può indurre insonnia, confusione, allucinazioni e psicosi, così come altri problemi di salute. Questi possono verificarsi dopo solo pochi giorni e i detenuti in attesa di giudizio hanno un aumento del tasso di suicidio e autolesionismo entro le prime due settimane di isolamento. I rischi per la salute aumentano con ogni giorno aggiuntivo trascorso in tali condizioni.

Il sospetto che tutto ciò sia riservato a gruppi minoritari o a stranieri. In violazione degli standard internazionali, le autorità islandesi attualmente non riescono a raccogliere dati sull’etnia delle persone detenute in isolamento. Amnesty International teme che possa essere applicata in modo sproporzionato a determinati gruppi di persone, compresi quelli appartenenti a gruppi etnici minoritari o cittadini stranieri. “L’isolamento in Islanda – ha aggiunto ancora Simon Crowther – viene abusato su vasta scala, compresi bambini e persone con disabilità. Il governo islandese deve garantire una riforma radicale del codice penale, e di fatto della cultura nel sistema giudiziario, per porre fine a questa violazione dei diritti umani delle persone. Le alternative esistono già e dovrebbero essere utilizzate”.

 

Notizie nella posta

Riceverai nella tua posta tutti gli aggiornamenti sul mondo
di MP Iscriviti gratuitamente ⤹