Sta per partire, nel Lazio, il progetto “HostAbility”

0
45 Numero visite

Verrà ufficialmente presentato il 4 ottobre a Roma il progetto “HostAbility”, iniziativa che vuole facilitare l’inserimento lavorativo di persone con disabilità, creando il primo circuito di turismo accessibile organizzato a Roma e nel Lazio. I destinatari saranno diciotto persone disoccupate con disabilità motoria o uditiva, tra i 18 e i 35 anni, interessate a intraprendere e gestire un’ospitalità extra-alberghiera (appartamento turistico, bed&breakfast, casa vacanze), accogliendo turisti con le loro stesse caratteristiche nei propri appartamenti accessibili

Alla fine di agosto era stata la compianta Simona Petaccia a presentare sulle nostre pagine, con la sua abituale incisività, il progetto HostAbility, iniziativa promossa dalla Cooperativa aCapo, finanziata dalla Regione Lazio e realizzata con il supporto della CARIS (Commissione d’Ateneo per l’Inclusione degli Studenti con Disabilità e DSA) dell’Università Tor Vergata di Roma, dei Centri per l’Impiego, dell’ENS (Ente Nazionale Sordi) e di altre Associazioni impegnate sul fronte della disabilità.

Il tutto con l’obiettivo di facilitare l’inserimento lavorativo di persone con disabilità, creando il primo circuito di turismo accessibile organizzato a Roma e nel Lazio. E il titolo scelto da Petaccia per quell’articolo (“HostAbility”, per superare il concetto di “categoria protetta”), sintetizzava mirabilmente la filosofia alla base dell’iniziativa.
Il 4 ottobre, dunque, presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università Tor Vergata di Roma, HostAbility verrà ufficialmente presentato, nel corso di un incontro cui parteciperanno i rappresentanti delle varie componenti coinvolte.

Tornando al dettaglio del progetto, va ricordato che esso prevede la specializzazione di diciotto giovani con disabilità disoccupati nella gestione di appartamenti accessibili da mettere a disposizione di altre persone con disabilità o in generale con esigenze particolari. A coloro che verranno selezionati sarà erogata una formazione specifica e articolata, per un periodo di dieci mesi. La didattica sì svolgerà presso le aule dell’Università Tor Vergata ed è previsto anche un rimborso spese di 6 euro all’ora, per un totale di 3.600 euro.

«Il percorso – spiegano dalla Cooperativa aCapo – prevede diverse materie specifiche su turismo e accoglienza, in modo da sviluppare nei partecipanti competenze turistiche, abilità comunicative e di marketing, capacità di soddisfare la clientela. L’obiettivo è quello di dare vita al primo circuito di appartamenti accessibili del territorio della Regione Lazio, per creare un’offerta turistica di qualità e stimolare l’occupazione e l’inserimento sociale dei giovani». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: hostability@acapo.it.

http://www.superando.it/

 

Newsletter