Il primo corso gastronomico nazionale in lingua italiana dei segni

0
969 Numero visite
PUBBLICITA

Nel proprio approccio culinario, in qualunque circostanza avvenga, sono impegnati maggiormente quattro sensi ovvero il tatto, il gusto, la vista e l’olfatto mentre l’udito, “riservato” per alcuni aspetti organizzativi del settore alberghiero, non è propriamente necessario nell’arte culinaria ed è proprio pensando a questo che il cuoco sordo Manuel Tocchini Morotti ha progettato “RistoLis” un corso gastronomico in Lis presso l’International Academy of Italian Cuisine in Lucca a Vicopelago per il mese di marzo.

PUBBLICITA

di barbara Ghiselli

Ma cos’è la Lis ? ”La Lis è l’acronimo della Lingua dei Segni Italiana – ha spiegato Tocchini Morotti- è una lingua vera e propria veicolata attraverso il canale visivo/espressivo – gestuale ed utilizzata anche nel territorio italiano da parte dei componenti della comunità sorda e dato che è un modo chiaro ed efficace per comunicare ho pensato che questo corso, possa essere l’ideale sia per rendere accessibili alcune nozioni di base e fondamentali della cucina sia per socializzare e lavorare in direzione per una maggior inclusione dato che questo progetto è rivolto sia ai sordi che agli udenti che hanno studiato e studiano la lingua dei segni. Dopo svariate e molteplici ricerche mi sono reso conto che è un progetto esclusivo a livello nazionale ed auspico che faccia da apripista per alcuni progetti del genere”.

Manuel Tocchini Morotti si è diplomato alla scuola alberghiera di Barga e ha fatto anche un corso ulteriore che gli ha permesso di ottenere la specializzazione in “chef ai banchetti”, ha un’esperienza decennale nel settore dell’arte culinaria che ha deciso di mettere a disposizione di questo corso.

Tocchini Morotti afferma che il progetto ha incontrato subito l’interesse dello chef Gianluca Pardini, direttore dell’International Academy of Italian Cuisine in Lucca che sarà parte attiva durante il corso.

Il programma del weekend prevede l’alternarsi di teoria e pratica: si partirà sabato 4 marzo alle 9.30 con una lezione di cucina dal titolo ”Sapori, profumi e colori del Mediterraneo” a cui seguirà il pranzo le ricette preparate e dopo ci sarà tempo per una breve introduzione sulla realtà della fotografia grazie alla collaborazione della Fiaf (Federazione italiana associazioni fotografiche) o in alternativa una visita accompagnata nelle mura urbane di Lucca.

Alle 18 inizierà la preparazione della cena” Amici a Tavola” e la giornata terminerà verso le 21.30 con il rientro in hotel per i partecipanti, dato che è previsto per chi abita fuori Lucca il pernottamento in albergo. Domenica 5 marzo la lezione comincerà sempre alle 9.30 e verterà sugli impasti lievitati, salati e dolci (pane, pizza, ciambelle, babà, crepes), alle 13 sarà la volta del pranzo dove verranno consegnati gli attestati di partecipazione e al termine ci sarà spazio anche per un brindisi di saluto. Il costo del programma di cucina per una persona con pernottamento di una notte in albergo (colazione inclusa) è di 240 euro in camera singola mentre quella di una camera doppia(condivisa) a persona è di 220 euro.

Il corso che ha anche il patrocinio dell’Ens (Ente Nazionale Sordomuti) si ripeterà con lo stesso programma il week-end successivo e cioè 11 – 12 marzo.

La scadenza per le iscrizioni è fissata per il 22 febbraio.

Per informazioni e prenotazioni: ristolislucca@gmail.com o info@italiancuisine.it

Barbara Ghiselli

http://www.lagazzettadilucca.it/

Notizia