Disabilità uditiva, nuovo sportello presso i Centri per l’Impiego di Brescia

Accordo tra Provincia ed Ens, Ente nazionale Sordi per attivare uno sportello dedicato alle persone sorde presso i Cpi e i di Collocamento Mirato

0
135 Numero visite
PUBBLICITA

Brescia. La Provincia di Brescia, grazie alla collaborazione con ENS – Ente Nazionale Sordi, ha attivato un nuovo servizio presso i Centri per l’Impiego provinciali (CPI) e di Collocamento Mirato (CM), rivolto agli utenti con disabilità uditiva. I CPI hanno tra le proprie competenze l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità, per questo motivo si rendono necessari sempre più frequentemente dei percorsi di orientamento al lavoro, generalmente svolti grazie ai fondi regionali messi a disposizione nell’ambito del Piano Provinciale Disabili.

PUBBLICITA

Le attività consistono in colloqui specialistici, che hanno lo scopo di individuare le competenze delle persone e di orientarle verso scelte lavorative consapevoli, e in colloqui di ricerca attiva del lavoro, che hanno come obiettivo finale la predisposizione di un curriculum vitae da inviare a potenziali datori di lavoro.
Grazie all’Ente Nazionale Sordi è stato possibile attivare uno sportello dedicato agli utenti sordi in modo da poter comunicare in modo proficuo in Lingua Italiana dei Segni (LIS), servizio attivabile ogni qualvolta si renda necessario effettuare una presa in carico di persone con disabilità uditiva. Questo nuovo servizio renderà ulteriormente più accessibile il percorso di ricerca attiva del lavoro e di inserimento lavorativo delle persone con disabilità iscritte ai centri di collocamento mirato della Provincia di Brescia.

La presa in carico nell’ambito del Piano Provinciale Disabili avviene a seguito di contatto allo sportello dei CPI-CM.Le persone che rientrano nel Piano vengono pertanto individuate dagli operatori sulla base di un primo colloquio di accoglienza, oppure a seguito di richiesta di colloquio specialistico contattando via e-mail il Centro per l’Impiego-Collocamento Mirato.

La Provincia di Brescia corrisponderà ad ENS un compenso di 10mila euro a rendicontazione delle spese sostenute.
Nel 2021 i sordi iscritti alle liste di collocamento mirato disponibili al lavoro erano 76, di cui 41 maschi e 35 femmine.

 

Notizia