Aggredisce la moglie e picchia il figlio sordo

0
160 Numero visite

Aveva aggredito l’ex moglie e anche il figlio, parzialmente sordo, che era intervenuto in difesa della madre. E’ stato così condannato a due anni di carcere un 44enne pugliese residente a Zevio. L’uomo da tempo minacciava il figlio maggiorenne e una sera di settembre è passato dalle parole ai fatti.

Il 44enne, ubriaco e sotto l’effetto di droghe, ha fatto irruzione nell’appartamento dell’ex moglie e dei figli durante una cena. Ha minacciato tutti e, dopo aver rovesciato il frigorifero, ha tentato di aggredire la donna.

Il figlio maggiore ha fatto da scudo e il padre lo ha colpito, rompendogli l’apparecchio acustico. Oltre a scontare la condanna, l’uomo dovrà anche pagare diecimila euro per il risarcimento nei confronti della vittima

https://www.tgverona.it/

Newsletter