Unicoop a sostegno delle persone più sfortunate

0
16 Numero visite

Finanziati i progetti dell’Associazione di Promozione Sociale Electra e di Asd Zorba. Autonomia abitativa e laboratori didattici per disabili

AREZZO — Contrastare le disuguaglianze e contribuire a ridurre povertà e disagio.

Questo quanto fatto da Unicoop Firenze e Fondazione il “Cuore si scioglie” che ha messo a disposizione 1milione e 350mila euro dei toscani più fragili.

Il progetto rientra nel bando Nessuno Indietro, fra finanziamento diretto di progetti delle associazioni sul territorio e raddoppi della raccolta alimentare e scolastica, che hanno coinvolto anche soci e clienti.

Sono 121 progetti finanziati in tutte le province su cui opera la cooperativa.

Ad Arezzo, i progetti ammessi al finanziamento sono due e sono stati proposti da Associazione di Promozione Sociale Electra e Asd Zorba Aps.

Nel dettaglio, il contributo a Associazione di Promozione Sociale Electra finanzierà le attività del progetto “Le chiavi di casa”, nato nel 2006 allo scopo di promuovere l’autonomia abitativa di soggetti con disabilità intellettiva.

Asd Zorba Aps, invece, utilizzerà il finanziamento di Unicoop Firenze per realizzare un laboratorio di attività manuali, come lavorazione del legno, disegno e musica per ragazzi con disabilità, per due pomeriggi la settimana per sei mesi.

Le conseguenze della pandemia mettono in crisi in particolar modo i soggetti più fragili. I ragazzi disabili, ad esempio, hanno visto cambiare da un giorno all’altro la loro quotidianità– afferma Daniela Ceccarellipresidente sezione soci Coop di Arezzo – Grazie al bando Nessuno Indietro di Unicoop Firenze riusciamo a sostenere progetti mirati che rimettono al centro disabilità, disagio, violenza di genere e povertà e accompagnano, con nuovi strumenti, le famiglie messe alla prova dall’emergenza. Ma Nessuno Indietro ci dà un’altra importante opportunità: fare rete sul territorio e con le associazioni di volontariato. Con loro, insieme, abbiamo lavorato e lavoreremo per non lasciare nessuno indietro”.

 

Newsletter