Biella
Un sospiro di sollievo

Cossato, la Lingua dei segni riconosciuta dal Senato. E arrivano i fondi “salva-lezioni”

Pubblicato: mercoledì 4.10.2017 alle 18:16
Segui Sordionline su
246 Numero visite | Nessun commento
Categoria: Oggi in segni / Scuola

Ha radici anche biellesi il disegno di legge approvato dal Senato per i diritti delle persone sorde e sordocieche e per il riconoscimento della Lingua dei segni.

francesca fossati cossato

Infatti, uno dei cinque Ddl di partenza presentati da diversi senatori porta la firma di Nicoletta Favero, senatrice biellese Pd, e l’esperienza ultra ventennale della scuola di Cossato nell’insegnamento della Lis. Il documento, approvato con 133 sì, 65 astensioni e un no, dovrà passare anche alla Camera. Ma il passo compiuto a Palazzo Madama è un traguardo mai raggiunto con i tentativi fatti nel corso di sei legislature per via dell’ostruzionismo di chi non considera la Lis una lingua.

LA SENATRICE

«Due sono i pilastri del Ddl – afferma la senatrice Favero -: la diagnosi precoce della sordità (con indagini in gravidanza, screening neonatale, diagnosi pediatrica) e il pieno riconoscimento nella scuola della Lis nell’ottica del bilinguismo, senza l’obbligo per chi predilige l’approccio orale». A ciò si aggiungono l’inclusione nell’università, nella vita lavorativa e sociale, nel rapporto con la giustizia e con la pubblica amministrazione, la rimozione delle barriere alla comunicazione, il riconoscimento della Lis e della Lis tattile per i sordociechi. Favero ha fatto tesoro dei suggerimenti di Melania Vaccaro, di Valdengo, la mamma di Ambra Seren che è stata tra le prime alunne sorde a Cossato e di recente si è laureata in Scienze umanistiche-Dams (in 6 si sono laureati e due ragazze udenti che avevano partecipato al progetto del bilinguismo sono diventate interpreti Lis), e di quelli dell’educatore Daniele Chiri. «Nel 1995 ho fondato l’associazione di genitori di bambini sordi “Vedo Voci” per dare loro sostegno – dice Vaccaro -. Grazie alla sensibilità e al lavoro della senatrice finalmente si è giunti a questo risultato».

I FONDI

L’inclusione scolastica sarà garantita con il sostegno di esperti e di insegnanti ad hoc. Una buona notizia per la dirigente scolastica di Cossato Gabriella Badà: «Per garantire continuità al progetto e al lavoro degli educatori e degli interpreti auspico che questi ultimi siano inseriti nelle graduatorie dei tecnici, come lo sono i tecnici di laboratorio, e assunti direttamente dal Miur». Intanto la scuola ha ricevuto 20 mila euro dalla Regione e l’anticipo di 10 mila euro dalla Fondazione Crb per garantire il servizio ai 9 alunni sordi sino a fine anno. Nell’anno nuovo arriveranno gli altri contributi promessi anche da altri enti.

http://www.lastampa.it

 

Articoli sullo stesso argomento

Strumenti
Stampa questa pagina Stampa questa pagina
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico
Scrivi il tuo articolo
Iscriviti alla Newsletter


Titolo della pagina:

Cossato, la Lingua dei segni riconosciuta dal Senato. E arrivano i fondi “salva-lezioni”


Questo indirizzo (URL) del sito di una pagina:
http://www.sordionline.com/index.php/2017/10/cossato-la-lingua-dei-segni-riconosciuta-dal-senato-arrivano-fondi-salva-lezioni/

Cosa ne pensi? Aggiungi un commento

Per scrivere: Accedi oppure registrati per pubblicare un commento.

Roma
di Licia Gargiulo

Natale a Cinecittà World

Ultimi commenti
Chi: ABUSI SUI BAMBINI SORDI:la confessione del prete dell'Istituto Provolo - Varese Press giornale online

Pedofilia al Provolo in Argentina, ispettore del Papa interrogato dal pm

Data: 29-11-2017

Chi: ABUSI SUI BAMBINI SORDI:la confessione del prete dell'Istituto Provolo - Varese Press giornale online

Istituto Provolo, abusi sui bimbi sordomuti: in esclusiva i documenti secretati dal Vaticano

Data: 29-11-2017

Chi: QUANTA CONFUSIONE | Il Blogger dei Sordi

Perché quel Testo Unico non va bene

Data: 23-11-2017

Utenti registrati
Iscriviti

Gestore di Sordionline

-

Sordionline propone di offrire ciò che occorre per svolgere in modo più efficace ed efficiente le attività quotidiane sfruttando al meglio la comunicazione e le potenzialità offerte da Internet per persone sorde