Siena
Sonia Desini (foto)

La vita con la sindrome di Charge. Metamorfosi di una famiglia

Il 17 marzo dalle 15,30 alle 17,30 presso MPDFonlus la storia di Sonia Desini mamma del piccolo Carlo

Pubblicato: lunedì 13.3.2017 alle 18:21
Segui Sordionline su
465 Numero visite | Nessun commento
Categoria: Prima pagina

Convivere con la sindrome di Charge è una sfida che Sonia Desini e la sua famiglia affrontano con la tenacia di chi ha deciso di vivere in modo positivo la malattia del piccolo Carlo.

Durante lo Speciale Storie de Venerdì del Pendola, il 17 marzo alle 15,30 presso MPDfonlus a Siena, Sonia Desini racconterà la sua storia e un percorso iniziato con la nascita del figlio affetto da una patologia genetica rara, la sindrome di Charge, caratterizzata da più di quaranta anomalie che possono colpire diversi organi e causare sordità e cecità.

Per il mondo medico Carlo è stato ‘sempre qualcosa da aggiustare’, per il mondo della riabilitazione ‘un universo sconosciuto con il quale nessuno era in grado di relazionarsi’, per la scuola poi un totale disastro, un bambino irrecuperabile che non avrebbe imparato mai niente”, ricorda Sonia Desini “noi invece abbiamo sempre creduto in lui, nelle sue capacità, nella sua incredibile vitalità e voglia di esprimersi.

Un viaggio faticoso, ma ricco di emozioni e scoperte, come quella fatta grazie alla Lega del Filo d’oro, di poter utilizzare la Lis, la Lingua dei Segni italiana, per comunicare con Carlo sfruttando il limitato canale visivo del bambino, ma anche di scelte importanti come quell’educazione parentale.

Chiamiamo questo progetto Scuola a Casa Team”, spiega la Desini, “l’avevamo immaginato come un luogo in cui ognuno di noi, famiglia, educatori e chiunque volesse farne parte potesse portare la propria esperienza con l’obiettivo principale di dare a Carlo gli strumenti necessari alla sua crescita culturale, personale ed emotiva. La società e soprattutto la scuola non sono pronte per accogliere bambini come lui. Carlo come qualsiasi altro bambino ha diritto alla partecipazione alla comunicazione e alla sua individualità anche fuori da casa sua.”

L’incontro con Sonia Desini è previsto per il 17 marzo dalle 15,30 alle 17,30 presso MPDFonlus  in via Tommaso Pendola, 37 a Siena. 

I Venerdì del Pendola è un cartellone di appuntamenti organizzato da MPDFonlus su  lingua e cultura sorda, interpretariato e educazione con il patrocinio di Comune di Siena, Provincia di Siena, Asp Città di Siena, Ens Sede Provinciale Siena.

INGRESSO LIBERO

Tutti gli incontri sono resi accessibili grazie ad un servizio di interpretariato Ita/Lis

Per informazioni: www.mpdfonlus.cominfo@mpdfonlus.com

Press: Luisa Carretti – press@mpdfonlus.com

 

Mason Perkins Deafness Fund onlus Via Tommaso Pendola, 37 – 53100 Siena

tel: 0577 532001

skype: mpdfonlus

www.mpdfonlus.com

Seguici su

Facebook 

mpdfonlus / Mpdf Onlus

Twitter

@MPDFonlus

Youtube 

mpdfonlus

 

Monterotondo
Sabato 21 ottobre 2017

Il CIS Monterotondo organizza una ‘Festa non solo nonni’

Prenotazioni entro giovedì 19 ottobre al 3391527538. Contributo di ogni partecipante 15,00 euro

14 Ott 2017
Articoli sullo stesso argomento

Strumenti
Stampa questa pagina Stampa questa pagina
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico
Scrivi il tuo articolo
Iscriviti alla Newsletter


Titolo della pagina:

La vita con la sindrome di Charge. Metamorfosi di una famiglia


Questo indirizzo (URL) del sito di una pagina:
http://www.sordionline.com/index.php/2017/03/la-vita-la-sindrome-charge-metamorfosi-famiglia/

Cosa ne pensi? Aggiungi un commento

Per scrivere: Accedi oppure registrati per pubblicare un commento.

Ultimi commenti
Chi: #AssistenzaH24Subito : Aggiornamenti in tempo reale sul caso dei disabili siciliani senza assistenza domiciliare H24 da 20anni « #StopAllaViolenzaSuiDisabili

Jovanotti con Pif: «Mi fa schifo chi prende in giro i disabili siciliani»

Data: 20-6-2017

Utenti registrati
Iscriviti

Gestore di Sordionline

- Sordionline propone di offrire ciò che occorre per svolgere in modo più efficace ed efficiente le attività quotidiane sfruttando al meglio la comunicazione e le potenzialità offerte da Internet per persone sorde