Torino - di Paolo De Luca

DPCM Lea/Nomenclatore Nazionale

Pubblicato: venerdì 8.7.2016 alle 18:42
Segui Sordionline su
1.082 Numero visite | Nessun commento
Categoria: Salute e Benessere

L’APIC ha seguito l’annoso iter del rinnovo del Nomenclatore Nazionale e dei LEA, abbiamo riportato le notizie sulla discussione e non poche docce fredde , insomma abbiamo cercato di seguire il periglioso percorso pieno di trappole. Ieri 7 Luglio 2016 è arrivato il DPCM che a seguito dell’accordo Stato Regioni  sembra aver raggiunto il traguardo ,di sotto il link del Quotidiano Sanità .

nomenclatore_tariffario_thumb400x275Per quanto riguardo le questioni riguardanti le persone con disabilità uditiva , si ha la conferma che gli AA digitali adesso fanno parte dei LEA, in pratica si sone recepite le richieste che da decenni sono state portate all’attenzione, tutto bene dunque?

A caldo ci viene da dire Ni, il nuovo Nomenclatore è lo stesso di quello pronto da anni , quindi non è stato aggiornato , tanto è vero che non troviamo le protesi impiantabili e se non abbiamo preso una svista rimangono extraLEA .

Per quanto riguarda l’inpianto cocleare che comunque era già inserito nei Lea pur non facendo parte del vecchio Nomenclatore Nazionale, si evidenzia l’assenza delle batterie e del caricabatterie , accessori che sono parte essenziale dell’impianto , ci riferiamo nello specifico alle batterie ricaricabili , quelle non usa e getta acquistabili solo dalla ditta che produce l’impianto e senza le quali l’impianto non funziona . Quindi mancanze non da poco , che creeranno o meglio continueranno a generare problemi alle persone con disabilità come ormai succede da anni in Piemonte dove la Regione non emana la delibera per la copertura delle richieste di ausili e accessori considerati extraLea con il conseguente diniego delle ASL .

Per il Piemonte la motivazione addotta è il commissariamento della Sanità , attraverso il vincolo del Piano di Rientro ,tante volte annunciato ma ancora non raggiunto, inoltre altra scusa era proprio l’attesa dei nuovi LEA , da ricordare che per potere avere diritto alle prescrizioni bisogna presentare anche la certificazione ISEE (se non è inferiore a€38.000 , non si ha il requisito per presentare la richiesta) Le Regioni hanno definito l’accordo della Conferenza Stato/Regioni un buon accordo , ma c’è un inghippo lo applicheranno solo per il 2016 (siamo a Luglio e l’anno finisce a Dicembre) per il 2017 si dovrà vedere il banco cioè dipenderà dal Piano di stabilità insomma il giochetto delle 3 carte . Ultima considerazione, lo screening audiologico neonatale è missing.

Cliccando sul link di sotto potete visionare il DPCM ,e tutta la documentazione , speriamo che leggendo attentamente , scoprire cose che non abbiamo visto http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=41429

Può essere utile anche la lettura del comunicato stampa della FISH che tratta un argomento non marginale .

http://www.fishonlus.it/2016/07/08/lea-e-diritti-umani-se-non-ora-quando/

Con cordialità

Paolo De Lua

per c.d. dell’APIC

www.apic.torino.it

 

Tags correlati: , , ,
Articoli sullo stesso argomento

Strumenti
Stampa questa pagina Stampa questa pagina
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico
Scrivi il tuo articolo
Iscriviti alla Newsletter


Titolo della pagina:

DPCM Lea/Nomenclatore Nazionale


Questo indirizzo (URL) del sito di una pagina:
http://www.sordionline.com/index.php/2016/07/dpcm-leanomenclatore-nazionale/

Cosa ne pensi? Aggiungi un commento

Per scrivere: Accedi oppure registrati per pubblicare un commento.

Ultimi commenti
Chi: #AssistenzaH24Subito : Aggiornamenti in tempo reale sul caso dei disabili siciliani senza assistenza domiciliare H24 da 20anni « #StopAllaViolenzaSuiDisabili

Jovanotti con Pif: «Mi fa schifo chi prende in giro i disabili siciliani»

Data: 20-6-2017

Utenti registrati
Iscriviti

Gestore di Sordionline

-

Sordionline propone di offrire ciò che occorre per svolgere in modo più efficace ed efficiente le attività quotidiane sfruttando al meglio la comunicazione e le potenzialità offerte da Internet per persone sorde