Ticket Sanitario: quali sono le prestazioni e i farmaci ancora esenti

0
1.759 Numero visite
PUBBLICITA

Il ‘decreto Appropriatezza’, in vigore da poco ha tagliato le esenzioni del ticket per 203 prestazioni mediche ed esami specialistici. I settori interessati sono la dermatologia allergologica, l’odontoiatria e la medicina nucleareche.

PUBBLICITA

Iole V. Esperto di Cronaca

 

esenzione-ticket-farmaci-e-visite_585291Tali prestazioni mediche, se mancano le condizioni di erogabilità, cioè quando sono considerate superflue, saranno pagate dal cittadino. L’esenzione dal ticket continua comunque ad essere valido per alcune visite specialistiche ed esami, in presenza di alcune condizioni. Riguardo al ticket sui farmaci le principali tipologie di esenzioni sono: esenzione per patologia, che riguarda tutti i farmaci (esenzione totale) o solo quelli relativi alla partcolare patologia (esenzione parziale); esenzione per età, esenzione per invalidità e per particolari condizioni socio reddituali.

Su quali farmaci non si paga il ticket?

Ebbene ricordare che i farmaci, si dividono in 3 fasce o categorie: nella fascia A sono inseriti una serie di farmaci ( anche generici) essenziali e medicinali per la cura di malattie croniche. Essi di solito sono esenti dal ticket e quindi sono pagati dal servizio sanitario nazionale, anche se può essere previsto un ticket di compartecipazione. La normativa delle singole Regioni regolamenta l’introduzione di ticket sui farmaci di fascia A, disciplinando anche le relative esenzioni. Nella fascia C ci sono quei medicinali necessari per curare patologie minori o di lieve entità. Essi sono a totale carico del cittadino, ma possono essere gravati da un ticket. La fascia C-bis: ricomprende medicinali di automedicazione a carico totale del cittadino. Possono essere esonerati dal ticket per le prestazioni mediche coloro che si trovano in particolari condizioni socio-reddituali, le donne in gravidanza; gli esentati per invalidità e gli esentati in ragione di particolari patologie.

Quali sono le prestazioni medico-sanitarie esenti?

Nella categoria dei soggetti esentati per le particolari condizioni socio -reddituali vi rientrano i titolari di pensione sociale ed i familiari a carico; i disoccupati ed i familiari a carico con reddito annuo inferiore a 8.263,31 euro; i titolari che superano i 60 anni di pensioni al minimo ed i familiari a carico, con reddito annuo inferiore a 8.263,31 euro; chi ha più di 65 anni o meno di 6 anni, se il nucleo familiare ha un reddito lordo annuo più basso di 151,98 euro. Per quanto riguarda l’esenzione spettante ai disoccupati con reddito inferiore alla soglia-limite è necessaria una specifica autocertificazione dello stato di disoccupazione.

Anche chi è affetto da per patologie croniche o malattie rare ha diritto all’esenzione dal ticket: è necessario però possedere un apposito certificato medico. Possono invece beneficiare dell’esenzione totale gli invalidi civili (con riduzione della capacità lavorativa superiore al 67% o al 100%), di guerra, per infortunio sul lavoro o per causa di servizio, i ciechi ed i sordomuti; le vittime della criminalità organizzata. L’esenzione riguarda solo le prestazioni cosiddette correlate. È possibile beneficiare anche di un esenzione parziale dal ticket, limitata alle prestazioni collegate alla tipologia d’invalidità posseduta. Per fruire dell’esenzione è necessario sempre presentare un certificato di accertamento dello stato di invalidità o dell’infortunio sul lavoro, da parte di Commissioni mediche ad hoc. Per le prestazioni sanitarie, i cittadini non esenti devono pagare un ticket massimo di 36 euro, che si riferisce alla singola ricetta.

http://it.blastingnews.com

PUBBLICITA
Notizia