PUBBLICITA

Signor Ministro sono mesi che ai neonati nell’ospedale di Avezzano non viene effettuato  lo Screening uditivo neonatale, fondamentale per individuare precocemente un deficit uditivo e per attivare rapidamente una serie di trattamenti per limitarne le conseguenze  ,scrivo a Lei  per sapere se tale prestazione è dovuta al neonato ,la ringrazio e sarebbe gradita una sua risposta chiarificatrice” così, in una nota, Augusto Di Bastiano, presidente del Centro Giuridico del Cittadino di Avezzano.

“Per quanto è nella mia conoscenza in Italia lo screening neonatale è obbligatorio e offerto gratuitamente a tutti i nuovi nati, nel rispetto del DPCM 12 gennaio 2017 (articolo 38, comma 2) sui nuovi Livelli essenziali di assistenza che garantisce a tutti i neonati “le prestazioni necessarie e appropriate per la diagnosi precoce delle malattie congenite previste dalla normativa vigente e dalla buona pratica clinica” prosegue Di Bastiano.

PUBBLICITA

“Art.38, comma 2.

Nell’ambito dell’attività di ricovero ordinario sono  garantite tutte le prestazioni cliniche,  mediche  e  chirurgiche,  ostetriche, farmaceutiche,  strumentali  e  tecnologiche   necessarie   ai   fini dell’inquadramento diagnostico, della terapia, inclusa la terapia del dolore e le cure palliative,  o  di  specifici  controlli  clinici  e strumentali; sono altresì garantite le prestazioni assistenziali  al neonato, nonché’ le  prestazioni  necessarie  e  appropriate  per  la diagnosi precoce delle malattie congenite  previste  dalla  normativa vigente e dalla buona pratica clinica, incluse quelle per la diagnosi precoce della sordità congenita e della cataratta congenita, nonché’ quelle per la diagnosi precoce delle malattie metaboliche  ereditarie individuate con decreto  del  Ministro  della  salute  in  attuazione dell’art. 1, comma 229, della legge 27 dicembre  2013,  n.  147,  nei limiti e con le modalità definite dallo stesso decreto” conclude Di Bastiano.

 

Notizia