Nuovo contrassegno unificato disabili: cosa cambia e come richiederlo nel 2023

I portatori di handicap hanno la possibilità di usufruire di agevolazioni importanti quando si mettono al volante grazie al contrassegno unificato disabili. Se non si vuole incorrere in conseguenze poco piacevoli è però importante conoscere quali siano le regole previste per chi ha il pass

0
259 Numero visite

di Ilaria Macchi

PUBBLICITA

Essere indipendenti anche negli spostamenti può essere importante per i portatori di handicap, che nella maggior parte dei casi desiderano essere autonomi quasi in tutto, esattamente come accade per i normodotati. Ed è per questo che molti di loro non rinunciano a guidare, grazie alle modifiche ad hoc che possono essere introdotte all’interno dell’abitacolo.

Anzi, chi è abituato a spostarsi con la sedia a rotelle non ha alcun problema nel farlo completamente da solo. Chi si trova in queste situazioni ha il vantaggio di poter usufruire di regole ben precise soprattutto per i parcheggi, mentre le norme del Codice della Strada da rispettare restano le stesse.

Avere il nuovo contrassegno unificato disabili può essere importante

I portatori di handicap devono essere dotati del nuovo contrassegno unificato disabili, che consente alle persone con disabilità di beneficiare di parcheggi riservati e di altri servizi in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea. A differenza del passato questo documento è valido in tutta Europa, in modo tale da non doverne richiedere uno ogni volta che si deve effettuare un viaggio.

Grazie a questo pass è possibile circolare e sostare nelle zone a traffico limitato (ZTL) e nelle aree pedonali urbane (APU), quando è autorizzato l’accesso anche ad una sola categoria di veicoli adibiti a servizi di trasporto e pubblica utilità (artt. 11 e 12 del DPR 503/1996). Non solo, se si è in possesso di regolare autorizzazione, è possibile anche circolare o sostare in caso di sospensione o limitazione della circolazione per motivi di sicurezza pubblica, di pubblico interesse o per esigenze di carattere militare. Qualora in alcune città dovesse essere impedito ad alcuni di spostarsi, è possibile farlo senza il rischio di incorrere in multe, a volte anche piuttosto pesanti.

Le novità in vigore dal 2023

Chi ha la necessità di avere il nuovo contrassegno unificato disabili deve richiederlo presso il Comune di residenza e mostrarlo in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine insieme a un documento di identità. Questo è evidentemente nominale, proprio per questo deve esserci corrispondenza completa tra i due. E’ considerato valido per tre anni.

Chi ne è in possesso può parcheggiare la propria vettura nelle zone adibite, riconoscibili da un’apposita segnaletica.

Il certificato non viene comunque concesso a cuor leggero a tutti, ma è necessario essere in possesso di alcuni specifici requisiti. L’organo competente lo consegna previo la presentazione di un certificato medico che attesti la loro condizione di disabilità e che soddisfi i criteri stabiliti dalle autorità competenti.

Le regole generali possono comunque variare da Paese a Paese, proprio per questo è bene conoscerle per capire a cosa si può andare incontro e capire se si rientri in questa categoria.

 

Notizia