Prestito Agevolato con Invalidità Civile e Legge 104: la soluzione che non ti aspetti

0
189 Numero visite
PUBBLICITA

Chi ha conseguito il riconoscimento dell’invalidità civile è della Legge 104 ha la possibilità, nonché il diritto di ottenere un prestito agevolato.

PUBBLICITA

Andiamo quindi a scoprire nel dettaglio tutto quello che c’è da sapere sull’argomento in questione. Dal momento in cui è partita la Pandemia a causa del Coronavirus, fino ad arrivare all’aumento dei prezzi e la crisi economica a causa del conflitto tra la Russia e l’Ucraina, i fattori che hanno avuto un’impatto negativo sull’economia ne sono stati anche fin troppi.

di Antonietta

Sempre più italiani si sono ritrovati con entrate minori e spese eccessive da affrontare. Al giorno d’oggi risulta sempre più complicato per i cittadini affrontare le varie spese e, per questo motivo, sono in tanti a prendere la decisione di ricorrere ad un prestito. Facendo così, possono ottenere in breve tempo la liquidità di cui hanno bisogno. Ed è proprio in questo ambito, che i possessori della Legge 104 e a coloro a cui è stata riconosciuta l’invalidità civile possono accedere facilmente a delle forme di prestito agevolato, ossia con condizioni vantaggiose rispetto alle condizioni medie di mercato. Ma questo come è possibile, e soprattutto, cosa bisogna fare per beneficiare di questa agevolazione? Andiamo a scoprirlo subito entrando nel dettaglio della questione.

Invalidità Civile e Legge 104, è possibile ottenere un prestito? Sì: ecco cosa c’è da sapere

Come citato anche precedentemente, chi è in possesso della Legge 104 e chi ha ottenuto il riconoscimento dello stato di invalidità civile, possono ottenere, in determinate circostanze, un prestito agevolato. Grazie alla convenzione che diversi istituti di credito hanno concordato con l’INPS attraverso l’Associazione Nazionale Disabili Italiani (o comunemente denominata A.N.D.I). Gli associati A.N.D.I. riescono ad avere accesso ad un prestito agevolato, grazie ad una convenzione stabilita con la Findomestic. Nel dettaglio, i soggetti interessati chiedono un finanziamento che può partire da un minimo di 1.000 euro, fino ad un massimo di 60 mila euro. È bene ricordare, però, che per ottenere questa agevolazione, bisogna essere iscritti all’Associazione Nazionale Disabili Italiani e deve possedere i requisiti, come ad esempio il riconoscimento dello stato di invalidità civile superiore al 74%, o diverse agevolazioni previste dalla Legge 104. Oltre a questo, inoltre, è bene sottolineare che bisogna essere titolati di altri redditi oltre all’Assegno di Pensione di Invalidità. Solo se si sia in possesso dei requisiti elencati in precedenza, potranno richiedere senza problemi il prestito. Per presentare la domanda, bisogna presentarla all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale che, successivamente, prenderà in carico la richiesta e provvederà a verificare la sussistenza dei requisiti e, in caso positivo, approvare la richiesta.

 

Notizia