Sono sorda e mio marito approfitta di questa situazione

L'amore è quel rifugio in cui tutti dovremmo sentirci al sicuro. Ma quando questo non accade è necessario trovare la forza, il coraggio e gli aiuti necessari per lasciarlo

0
376 Numero visite
PUBBLICITA

Mi trovo in una situazione terribile. Viviamo in un casa donatami dalla mia famiglia.

PUBBLICITA

di Sabina Petrazzuolo

Poi quando ci siamo sposati lui ha voluto partecipare alle spese di manutenzione e alle modifiche ma gestiva anche il mio stipendio. Con il mio stipendio si faceva la spesa e si pagavano le bollette. Si faceva tutto ciò che diceva lui e io se avevo bisogno di qualcosa, dovevo avvisarlo o chiedergli i soldi perché magari erano finiti quelli del mio stipendio. Oppure mi diceva che non era il momento buono per comprare le scarpe o un cellulare nuovo.

Allora 5 anni fa mi sono ribellata dicendogli che lo stipendio mio lo gestisco io. Ma le cose sono peggiorate. Lui continuava a mettere la parte il suo stipendio senza mettere quasi più nulla di suo per la manutenzione della casa. Mi ha detto che la casa è la tua, arrangiati. Ma ci vive anche lui! Mi chiederete come mai questa situazione? Perché purtroppo io sono sorda e 20 anni fa non esisteva WhatsApp, non c’era internet come oggi per poter informarmi o chiedere altri pareri. Lui è udente, io no. Quindi lui doveva chiamare l’idraulico o l’elettricista. E quindi ha approfittato della mia condizione. Lui non se ne vuole andare di casa e i miei figli sono alleati con lui.

Sono abituata a immaginare l’amore, e qualsiasi relazione che è tenuta in piedi da questo, come uno spazio sicuro in cui stare e restare. Il rifugio di cui tutti abbiamo bisogno nella vita e che nell’immaginario comune è definito, semplicemente, casa. Del resto è quello il luogo dove sta il cuore.

Eppure, per quanto mi sforzi di vedere al di là di quello che sembra, non riesco a trovare nulla di tutto questo nella tua situazione. Non riesco a vedere più quella luce che dovrebbe appartenere all’amore perché questa è oscurata dall’egoismo, dal narcisismo e probabilmente da una qualche forma di violenza emotiva. E questo, chiaramente, rende la tua relazione un luogo pericoloso in cui non puoi più stare.

Vorrei dirti che la situazione che vivi non è terribile, che con il tempo le cose possono sistemarsi. Che l’amore (che forse un tempo vi ha unito?) risolverà ogni cosa. Ma ti mentirei e non voglio farlo. Perché è evidente che tutto questo va avanti da tanto, troppo tempo. Ed è arrivato il momento di fare qualcosa.

Hai detto bene tu, oggi c’è internet, c’è whatsapp, ci sono tanti strumenti per comunicare con il mondo esterno. E tu devi utilizzarli tutti. Per contattare i tuoi amici, la tua famiglia e magari anche un’associazione che possa aiutarti a comprendere cosa sta accadendo nella tua vita e come gestire al meglio questa situazione. Perché è evidente che sei una donna fortissima, ma anche le persone forti hanno il diritto di chiedere aiuto. Ed è arrivato il tuo momento.

Il dolore, questo è chiaro, andrà affrontato. E questo è acuito ancora di più dalla mancanza di supporto da parte dei tuoi figli che, in questa guerra silenziosa, hanno scelto di allearsi con lui. Ma vedi, le scelte e le esperienze dei figli si plasmano attraverso gli occhi dei genitori, e probabilmente loro sono stati più attenti allo sguardo del papà che al tuo. Ma questo spero che un giorno possa cambiare.

Intanto tu hai un compito, quello di guardati dentro e trovare la forza che hai per uscire da questa situazione, per chiedere aiuto. Non devi scappare, non sei tu a doverlo fare questo è chiaro. Ma non permettere più a questa persona di approfittare di te, di rubarti la vita e i sogni che ha già infranto. Datti una nuova opportunità, perché te la meriti.

 

Notizia