In tempi di pandemia la riconversione delle imprese può aiutare chi è più discriminato dai nuovi stili di vita.

L’azienda belga Brochage Renaitre da 50 anni rilega cataloghi ma ora i suoi 15 dipendenti disabili producono maschere per non udenti o persone con problemi di udito. Un tessuto trasparente consente infatti di leggere le labbra. Tutto è successo molto velocemente, spiega la direttrice dell’azienda, Sabine Charlier. Durante il fine settimana del 1 maggio sono stati realizzai i prototipi e all’inizio della settimana, le autorità regionali hanno immediatamente ordinato 10.000 maschere.

“In due giorni abbiamo comprato macchine da cucire, abbiamo comprato tessuti e abbiamo impostato un metodo di lavoro. Abbiamo formato il personale e realizzato fogli descrittivi per ogni fase di lavoro E da venerdì abbiamo preso 15 volontari che abbiamo imparato a cucire. Il lunedì successivo eravamo già operativi “.

Per i diretti interessati, questa maschera leggermente diversa consente loro di comunicare senza mettersi in pericolo.

Donia Dubois, dipendente di Brochage Renaître, nonché sorda afferma che questa maschera le ha davvero migliorato la vita.

“Prima dovevo togliermi la mascherina e allontanarmi dagli interlocutori per poter parlare. Ora con questo pezzo trasparente posso leggere sulle labbra delle persone ed è molto più facile comunicare nella vita di tutti i giorni” .

Su 150 dipendenti, l’azienda impiega circa il 60% di persone con varie disabilità. Queste maschere erano quindi una necessità per loro in primis. Per l’azienda, che lavorava al 10% della sua normale attività, è stato un modo per rilanciarsi. Queste maschere si stanno rivelando utili per molti settori in tutto il paese.

“Vediamo che c’è una grande richiesta da parte di logopedisti, insegnanti elementari, persone negli ospedali e chi lavora persone anziane. Per molti è difficile comunicare senza vedere i movimenti labiali”, racconta Sabine Charlier.

L’azienda può produrre 300 maschere al giorno grazie a una quindicina di persone che non avevano mai cucito in vita loro.

 

Newsletter