Get it! le 10 startup selezionate in turismo sostenibile e patrimonio culturale

0
275 Numero visite

Continua il percorso di selezione di Get it! e Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore sul tema della social innovation. Proprio recentemente si è tenuta la selezione dedicata alle startup attive nel settore del tutirsmo sostenibile.

Questi i progetti valutati a più alto potenziale e selezionati dalla giuria di Get it! per il percorso di incubazione e accelerazione:

 

  • Art eXplorer, realizzato da Visionaut, mira a rendere l’arte universalmente accessibile. Utilizza tecnologie di Reality Capture per costruire modelli 3D di percorsi espositivi, esplorabili virtualmente da qualsiasi luogo e da qualsiasi dispositivo anche in Realtà Virtuale. Questo nuovo modo di documentare l’arte diventa lo strumento per far nascere un ecosistema di guide che possano raccontare le storie nascoste dietro ogni capolavoro.

 

  • Beltmap è il Google Maps per le persone non vedenti e ipovedenti. È composto da una cintura dedicata e da un’app che consente alle persone di orientarsi in qualsiasi luogo attraverso il solo uso di vibrazioni, lasciando libero l’udito.

 

  • Cocovan è una piattaforma che consente ai proprietari di camper di condividere o noleggiare il proprio veicolo con altri viaggiatori, proponendo un modello di turismo sostenibile fondato sulla sharing economy. Cocovan intende creare una community di viaggiatori disposti a condividere mezzi per vivere un’esperienza di viaggio innovativa. Gli utenti inoltre possono interagire, conoscersi e scambiare feedback attraverso la web-app.

 

  • eArs è una piattaforma che semplifica l’accesso alle opere d’arte attraverso un audio della durata di 1 minuto. Punta ad uno storytelling dell’opera con un approccio innovativo e non didascalico; infatti, i narratori sono come amici che raccontano dell’opera.

 

  • Guido Impresa Sociale Guido, servizio di tour sharing, permette di acquistare online visite guidate in gruppi piccoli o medi ottenendo un consistente sconto. Gli utenti godono delle tariffe più agevolate sul mercato, condividono i loro interessi e possono lasciare un feedback sulla guida.

 

  • iGreengo è un marketplace che permette l’incontro tra i proprietari di spazi naturali e i visitatori che vogliono scoprire luoghi, vicini e sconosciuti, dove poter vivere un’esperienza turistica/escursionistica. iGreengo propone un turismo esperienziale dove i turisti possono immergersi in luoghi esclusivi. I proprietari dovranno realizzare, con una parte del reddito di locazione che percepiranno, azioni di miglioramento ambientale.

 

  • Nice è una piattaforma online che mette in contatto clienti, professionisti e aziende nel settore dell’hospitality. Si configura come un sistema di recensioni e di rewarding rivolto allo staff di hotel e ristoranti, per identificare i membri dello staff più meritevoli. Ospiti e colleghi esprimono il loro apprezzamento attraverso like, commenti e mance; inoltre, facilitano la creazione di una reputazione online dei migliori professionisti e aziende.

 

  • TrackAbility è una piattaforma di booking per i viaggiatori con esigenze speciali e per le strutture ricettive capaci di accoglierli. Con un iter di certificazione, il team riesce a valutare il grado di accessibilità di ogni struttura e ad offrire formazione ad hoc ai dipendenti. TrackAbility favorisce sia la possibilità delle strutture di vendere determinate camere ai clienti giusti sia di offrire informazioni attendibili e verificate dagli stessi utenti.

 

  • Tripmetoo è una piattaforma web che permette ai traveller, anche con esigenze speciali, di poter organizzare e scegliere servizi turistici, tailor made, sulla base delle proprie esigenze e passioni. Gli operatori, attraverso un’applicazione, possono rilevare e trasmettere al marketplace informazioni sull’accessibilità e sulle caratteristiche dei servizi offerti, avvalersi di consulenze tecniche e upgrade per incrementare i livelli di qualità.

Ulisse Travels è una piattaforma digitale per persone non udenti in grado di trovare esperienze locali, progettate e ospitate da giovani non udenti che permettono di sperimentare lo stile di vita locale. Grazie al peer-to-peer e a webinars in lingua dei segni internazionali, incoraggia i giovani a proporsi come local friends per accompagnare i turisti sordi di qualunque provenienza alla scoperta del proprio territorio

Al termine dei percorsi di incubazione e accelerazione, le start-up potranno usufruire di un ulteriore programma di mentorship della durata di circa 3 mesi, seguito da un Investor Day. Al termine di questo percorso di empowerment, le migliori start-up potranno contendersi l’accesso a un ulteriore investimento che andrà da un minino di 25.000 euro a un massimo di 40.000 euro messo, a disposizione da Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore.

https://impact.startupitalia.eu/

Newsletter