PUBBLICITA

Sabato 26 incontro con gli studenti e domenica 27 partita amichevole nella palestra di via Grandi contro il Cà Rossa Bagnolo

PUBBLICITA

ALBINEA (Reggio Emilia) – Dal 25 al 27 marzo Albinea ospiterà la nazionale di calcio a 5 femminile sorde. Lo stage albinetano sarà il primo passo di avvicinamento alle finali del Campionato Europeo, che si svolgerà in ottobre in Italia a Montesilvano. L’amministrazione, con la disponibilità e la collaborazione del Circolo Tennis Albinea, metterà a disposizione delle atlete la nuovissima palestra comunale di via Grandi. Saranno due gli appuntamenti “pubblici” per le ragazze allenate da Mario Lovo: l’incontro con gli studenti di Albinea e una partita amichevole contro la formazione della Cà Rossa Bagnolo, che partecipa al campionato di serie A2 femminile.

Il primo appuntamento avrà luogo alle ore 9 di sabato 26 marzo. La partita amichevole, alla quale potrà assistere il pubblico (ingresso libero con Green Pass rafforzato fino a capienza consentita da vigenti regole Covid), si svolgerà domenica 27 alle 15 nella palestra di via Grandi. Da neo-promossa la squadra di Bagnolo, composta esclusivamente da giocatrici emiliane ed allenata da mister Orlando D’Alsazia, sta conducendo un campionato alla ricerca della salvezza e il test con le azzurre sarà molto importante per preparare al meglio le ultime e decisive gare di campionato.

Lo staff azzurro che trascorrerà i tre giorni ad Albinea sarà composto, oltre che dal tecnico Lovo, anche dal l’allenatore in seconda Roberto Lunardon e dal Direttore Tecnico Rocco Cericola. Quest’ultimo avrà anche il ruolo di interprete della lingua dei segni. Tra le convocate spicca il nome di Carla Maria Santini, ex Montesilvano (ora in forza all’Es Chieti, in serie C). Le altre convocate sono: Michela Bottini, Valentina Cerri, Sara De Sanctis, Silvia Fiorin, Anna Giacometti, Valeria Giura, Eleonora Grossi, Carolina Marguccio, Desirè Marini, Simona Marti, Louisa Mellal, Chiara Montilla, Asia Muratori, Vanessa Bitti Ricci, Christina Taurino e Giuseppina Vaccaro.

Lo stage albinetano della nazionale fa parte di un più vasto progetto, che ha come capofila il Comune di Castelnovo Monti e coinvolge, oltre a Regione e Federazione Sport Sordi Italia, il Comitato italiano paralimpico e l’Asl di Reggio.

 

Notizia