Francesco Cavò: “Io, sordo dalla nascita. La mia lingua è il gol”

0
150 Numero visite

Attaccante dell’Atletico Messina in prima categoria, ha conquistato il passaggio in Promozione sfiorando la convocazione agli Europei per sordi in Grecia. Francesco ci ha raccontato la sua storia

Dalla prima categoria con l’Atletico Messina alla maglia azzurra della Nazionale italiana sordi. Francesco Cavò, 17 anni e sorriso contagioso stampato in faccia, non sente dalla nascita.

A giugno sarebbe dovuto partire per la Grecia, dove il 2 cominceranno gli Europei. «Purtroppo l’esito degli esami audiometrici è arrivato in Federazione oltre il limite previsto, così ho dovuto rinunciare».

Gli intoppi burocratici non ne hanno intaccato il morale: «È solo uno stimolo ulteriore, presto verranno mondiali e olimpiadi. Mi impegnerò a fondo per esserci». Scrive su Facebook, ringrazia continuamente, si scusa per qualche giorno di ritardo: «Avevo una semifinale e volevo aspettare il mio interprete per essere sicuro delle risposte».

Il computer per interagire, abbattere barriere e distanze: l’unico modo per raccontarci la sua storia. «Vengo da una famiglia di sordi segnanti. Mio padre, mio zio e mia sorella hanno tutti lo stesso problema»Tra loro comunicano con il “Lis”, il linguaggio dei gesti«In campo con i normodotati, invece, nessuna difficoltà, perché l’azione si legge facilmente. Il pallone, d’altronde, è universale». Occorre, però, distinguere: «Nei campionati riservati a noi o in nazionale, gli arbitri sono preparati: conoscono il linguaggio o hanno delle bandierine speciali, una rossa e una gialla».

L’infanzia all’istituto Cristo Re scivola felice, scandita da studio e sogni da inseguire: «La mattina frequentavo le lezioni, poi il pranzo con gli altri ragazzi, mentre nel pomeriggio ci toccavano compiti e logopedia. Cercavamo di finire il prima possibile per scappare in cortile e giocare a calcio. La sera mi accompagnavano a casa e il giorno dopo si ripartiva da capo».

Il diploma di terza media, l’iscrizione alle superiori: la scuola che svolge la sua funzione e diventa strumento fondamentale d’integrazione. Bellissimo, non scontato. «Ho scelto l’indirizzo tecnico-industriale, ho trovato un ambiente eccezionale: compagni e insegnati mi hanno reso immediatamente parte del gruppo. Un pensiero particolare, però, devo mandarlo alla mia docente di sostegno, davvero speciale»Quando la campanella suona, Franscesco posa lo zaino, indossa pantaloncini e calzettoni: «Ho mosso i primi passi nel futsal, alla Siac. Lì ho imparato i movimenti e ottenuto buoni risultati».

IL SOGNO DI FRANCESCO

Contento sì, ma mancava qualcosa: «Passava il tempo e sentivo crescere il desiderio di misurarmi con un ulteriore sfida». La conseguenza immediata è il passaggio al calcio a 11: «Sono arrivato all’Atletico Messina e ho capito subito che ero nel posto giusto. Mi hanno spalancato le porte e io cerco di ricambiare spingendo al massimo in ogni allenamento, provando a migliorarmi in continuazione, tatticamente e tecnicamente».

Il lavoro paga e contro la Diulia 81, a febbraio, Cavò entra dalla panchina e segna: «Di testa, da calcio d’angolo. Non avevo mai provato qualcosa di simile». La squadra vola, infila una serie incredibile di vittorie e ai play off centra il salto di categoria: «Siamo in Promozione, ma mica ci fermiamo. C’è la finale di coppa Sicilia e vogliamo centrare il nostro double». Guai a non credergli.

Le soddisfazioni collettive viaggiano a braccetto con quelle personali: «Dopo la rete è arrivata la convocazione nella Nazionale italiana sordi. Per uno sportivo rappresentare il proprio Paese è un orgoglio immenso, una questione d’identità. Anche per questo non mi arrendo».

Il ritiro a Brescia, le ore tinte d’azzurro: «Era lo stage di preparazione in vista dell’Europeo, quindi sedute tattiche e allenamenti, ma soprattutto la necessità di forgiare lo spirito di gruppo. Poi sarebbe arrivato anche il messaggio più atteso». In Grecia non ci sarà, ma l’impressione è che non basterà la burocrazia per fermare i sogni.

Si ringrazia We Sport per il video

https://gianlucadimarzio.com

 

Notizie via email