Nocera Inferiore, raggirò anziana non udente: finisce in carcere finto funzionario Inps

L'uomo era riuscito a farsi consegnare dalla donna 2.500 euro

0
315 Numero visite

FISCIANO –  Si finge funzionario dell’Inps per rubare una donna non udente, fingendo peraltro un rapporto con il figlio della malcapitata, che è un carabiniere, e insieme a un complice si introduce in casa, facendo razzia. Sono stati proprio i militari, a seguito della denuncia, a individuare l’uomo, al quale è stato notificato il sequestro di una somma pari a 2.500 euro, vale a dire l’equivalente di quanto era riuscito a portare a casa mettendo a segno il furto rovistando nell’abitazione. Il soggetto è stato arrestato, finendo ai domiciliari. L’episodio è avvenuto il 17 dicembre 2019 sul territorio comunale di Fisciano, nella Valle dell’Irno, e ha visto protagonista S. C., peraltro gravato da altri precedenti, che ha preso di mira la signora ultra 65enne.

A finire nella rete dell’uomo, accompagnato pure da un complice non identificato, è stata anche la figlia della malcapitata. L’arrestato si è presentato come un dipendente dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale e avrebbe finto, per distendere gli animi e conquistare la fiducia delle vittime, una telefonata con il figlio della signora, un militare. Il “teatrino” sarebbe risultato piuttosto convincente, dopodiché è stata la persona che era con lui a facilitargli il compito, pensando ad intrattenere la poverina e sua figlia, mentre l’uomo si aggirava indisturbato per gli altri ambienti della casa, alla ricerca di soldi. Ha potuto in questo modo impossessarsi di ben 2.500 euro in contanti e a quel punto, evidentemente soddisfatto, ha tolto il disturbo insieme al suo complice. Una volta che la messinscena è divenuta evidente, sono subito partite le indagini del caso, coordinate dalla Procura della Repubblica di Nocera Inferiore, con in testa il procuratore Antonio Centore .

A condurre gli accertamenti, i carabinieri della stazione di Fisciano, guidati dal tenente colonnello Alessandro Cisternino , comandante della Compagnia di Mercato San Severino. A conclusione dell’attività investigativa, è scattata la richiesta di misura cautelare, inizialmente rigettata dal giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Nocera Inferiore. A seguito dell’appello proposto dal sostituto procuratore Angelo Rubano , accolto dal Riesame di Salerno e confermato dalla Cassazione il 10 novembre, il responsabile è stato arrestato e posto ai domiciliari, con la contestazione di furto ai danni della signora e della figlia, nonché di sostituzione di persona ai danni del carabiniere. Eseguito, infine, il sequestro preventivo, con la confisca di 2.500 euro.

(fr.ie.)

Notizie nella posta

Riceverai nella tua posta tutti gli aggiornamenti sul mondo
di MP Iscriviti gratuitamente ⤹