Rissa sfiorata tra sordomuti a Varedo, una donna si sente male

0
1.305 Numero visite
PUBBLICITA

Una donna di 59 anni si è sentita male dopo una accesa discussione con alcuni amici, tutti sordomuti. La donna è stata trasportata presso l’ospedale di Desio dove la donna è stata visitata, dichiarata fuori pericolo e infine dimessa

PUBBLICITA
rissa-sfiorata-tra-sordomuti-a-varedo-una-donna-si-sente-male_0cd58386-e91b-11e5-83d7-00ddea9190a4_998_397_big_story_detail
(Foto by Pier Mastantuono)

Malore fuori dalla Pasticceria Pertusini nel pomeriggio di giovedì. Una habitué del bar-sala da the che si trova a pochi metri dal passaggio a livello, si è sentita male dopo una accesa discussione con alcuni amici. Anche loro assidui frequentatori dello storico locale di Morena Fabbri. La lite tra conoscenti sorta mentre il gruppetto stava sorseggiando un caffè, ha portato la donna di 59 anni ad uscire all’improvviso in strada, dove è stata prontamente raggiunta dal partner per avere delle spiegazioni e farla rientrare.

A questo punto, la concittadina è stata colpita da malore, accasciandosi sul marciapiede. Con grande preoccupazione di tutti. Sul posto sono arrivati un equipaggio della Croce Bianca di Cesano Maderno ma anche una pattuglia dei carabinieri di Varedo, visto che l’emergenza era classificata a tutti gli effetti come aggressione. Anche se, a quanto pare, il battibecco non è mai degenerato in scontro fisico. Infatti i militari hanno quasi subito lasciato la scena dopo essersi accertati della situazione, lasciando il campo ai volontari del soccorso.

A rendere più complicato l’intervento degli operatori della Croce Bianca ha contribuito il fatto che la svenuta, il suo compagno ma anche l’altra coppia di amici, fossero sordomuti. Quindi l’intero intervento risultava più complesso dalla evidente difficoltà a comunicare con il gruppetto. Per fortuna, la svenuta si è quasi subito ripresa.

Un importante contributo nella comunicazione tra le parti lo ha dato la stessa proprietaria del bar, Morena Fabbri che ha a lungo fatto da tramite con i soccorritori.

Il persistere della situazione di pressione alta ha spinto gli intervenuti a decidere il ricovero della paziente, presso l’ospedale di Desio. Dove la donna è stata visitata, dichiarata fuori pericolo e infine dimessa.

http://www.ilcittadinomb.it/

Notizia