“Abbiamo perso un familiare, tra l’altro sordo, senza possibilità di informarlo su quello che stava accadendo a causa della mancanza di strumenti adeguati per metterci in contatto con lui in ospedale, ed ora siamo in attesa dei tamponi da più di una settimana. Questo è un modo per ricordarlo degnamente, vista l’impossibilità di celebrare un funerale e salutarlo come meritava”. A raccontare il suo dolore, a nome dell’intera famiglia Borsella/Severini, è Chiara, una nipote alla quale il coronavirus ha strappato in maniera improvvisa l’adorato zio Armando, affetto da sordità, all’età di 88 anni dopo soltanto due giorni di ricovero ospedaliero. 

IL RICORDO – “Mio zio era una persona viva e solare. Era piuttosto attivo, curava il nostro orto e frequentava assiduamente il circolo anziani di Recanati. Quel posto sembrava ancora un paradiso a fine febbraio. Sono cresciuta con lui, nella stessa casa – racconta Chiara -, eravamo molto legati. Aveva un modo di esprimersi tutto suo. Pur non conoscendo la lingua dei segni, aveva un linguaggio con cui riusciva benissimo a farsi comprendere attraverso i gesti, sia dalla sua famiglia che dagli amici. Io non ho mai avvertito la difficoltà di comunicare con lui, sin da piccola”.

“Gli infermieri che abbiamo avuto modo di sentire, ci hanno riferito come fosse tranquillo e solare anche durante il ricovero. Utilizzava come al solito il suo corpo per comunicare – spiega Chiara -. Fino all’ultimo ha mostrato tutta la sua energia e con la solarità ha mostrato di riuscire a superare la sofferenza”. 

LA MALATTIA – Armando si è ammalato il 15 di marzo, giorno in cui ha iniziato a mostrare i primi sintomi. “Fino all’ultimo abbiamo sperato che si trattasse di un’influenza stagionale. Poi il 22 marzo, una domenica, ha accusato una crisi respiratoria – dice Chiara – che ci ha costretto a chiamare il 118 e ha reso necessario il ricovero al Covid-Hospital di Civitanova Marche. Soltanto una volta arrivato in ospedale è stato effettuato il tampone, da cui è risultata la positività al coronavirus”.

“Se avessimo saputo prima del contagio, magari avremmo agito con ancora più accortezza nel periodo in cui è rimasto in isolamento a casa”.

Quella che Chiara vuole mettere in luce è la componente emotiva e psicologica di chi si trova a convivere con il dramma della perdita di un familiare, senza che sia nemmeno concesso dargli un ultimo saluto.

Lo stato di abbandono e sofferenza a cui si deve far fronte, una vera e propria lotta per la sopravvivenza, soprattutto quando perdi un familiare, per lo più con una disabilità sensoriale, e rimani confinato in casa nel dolore e nella paura, senza che nessuno venga a farti il tampone, con la paura di contagiare o essere contagiato dai tuoi stessi familiari.

“Richiediamo un tampone davvero da tanto tempo – spiega Chiara -, anche attraverso i solleciti del nostro medico di famiglia, ma ancora nulla. Ormai ci restano pochi giorni di quarantena e abbiamo quasi perso la speranza. Crediamo che, qualora si verifichi il decesso di un familiare, sia scontato effettuare il tampone, invece assistiamo a continui rinvii. Questa situazione riguarda molti. È assurdo”.

“Siamo in quarantena da domenica 22 marzo, quindi domenica 5 aprile dovremmo finire il periodo di isolamento ma senza la certezza di essere stati contagiati perché nessuno ci ha fatto un tampone.

“In una condizione di sofferenza come quella del ricovero in ospedale abbiamo anche chiesto se fosse possibile mettersi in contatto con zio Armando, vista la sua particolare condizione di disabilità sensoriale, attraverso un telefono o un tablet, ma non è stato possibile – aggiunge Chiara -. Il ricovero è durato appena 2 giorni, tutto è degenerato in fretta. Si è spento improvvisamente nel sonno, durante la notte. Probabilmente il suo cuore non ha retto. Speriamo che il nostro esempio possa permettere di fare qualcosa sotto questo aspetto. I dottori continuavano a tenerci informati, ma riuscire a comunicare con la persona cara in prima persona sarebbe un toccasana per le famiglie”.

Armando Severini, recanatese, è stato stroncato dal coronavirus ad 88 anni, senza soffrire di alcuna patologia pregressa. Soltanto un mese prima della scomparsa aveva svolto degli esami che avevano riportato un quadro clinico ottimale.

Newsletter