Le persone sorde sono ancora discriminate

0
120 Numero visite
PUBBLICITA

Secondo il servizio giuridico della Fondazione svizzera dei sordi 114 casi sono stati trattati perché hanno subito discriminazioni nella vita quotidiana. Un numero in aumento rispetto agli altri anni

PUBBLICITA

di Keystone-ATS/MMINO

Al lavoro, nell’istruzione o in ospedale: le persone sorde sono ancora discriminate nella vita quotidiana. Solo l’anno scorso, il servizio giuridico della Federazione svizzera dei sordi (FSS) ha dovuto trattare 114 casi a questo proposito. Nel 2020 erano stati 108 e l’anno prima 106.

Alcuni esempi
Spesso il problema sta nel fatto che ai sordi non viene messo a disposizione un interprete della lingua dei segni, ha comunicato oggi FSS. Per esempio, un padre sordo che ha portato per un’emergenza la figlia in ospedale non ha avuto la possibilità di avere un traduttore perché tale servizio è previsto solo per i pazienti sordi e non per i loro parenti. Un’altra persona sorda non ha ottenuto alcuna informazione dal suo consulente bancario durante una video conversazione in quanto l’interprete della lingua dei segni presente non era autorizzato ad avere informazioni personali. Per questo, l’uditore aveva bisogno prima di tutto di una procura.

Finanziamenti per apparecchi rifiutati
L’anno scorso i sordi sono stati confrontati con simili problemi in numerosi casi. Anche il finanziamento di strumenti ausiliari, come apparecchi acustici o interpreti, è ancora “troppo spesso” rifiutato o bloccato dall’assicurazione invalidità. Secondo FSS la Svizzera sarebbe obbligata a “promuovere, proteggere e garantire i diritti umani e le libertà fondamentali delle persone con disabilità” in base alla Convenzione sui diritti delle persone con disabilità delle Nazioni Unite, il divieto di discriminazione nella Costituzione federale e la legge sull’uguaglianza dei disabili.

Troppi “ostacoli insormontabili”
In Svizzera esistono tuttavia ancora ostacoli insormontabili che impediscono una protezione adeguata contro le discriminazioni: le persone con disabilità continuano a essere esposte a discriminazioni, sottolinea la nota. Per FSS è chiaro che “la legislazione attuale non è sufficiente per integrare le persone sorde nella società”. Continuerà quindi a impiegarsi per il riconoscimento legale della lingua dei segni.

 

Notizia