Supera i 150k la campagna di Mbility, l’innovazione che aiuta le persone con disabilità a spostarsi

«In Italia vivono 3,1 milioni di persone con disabilità e 1,5 milioni di anziani non autosufficienti. Mbility nasce per rendere più efficienti i loro spostamenti grazie a un’app e una piattaforma facili da usare e a costi accessibili» Alfonso Correale, Presidente e co-founder Mbility

0
178 Numero visite
PUBBLICITA

Mbility offre a coloro che hanno una disabilità permanente o temporanea la possibilità di prenotare una o più corse via App, nel pieno rispetto delle diverse esigenze e con tempi di attesa ridotti. Al momento della prenotazione chi deve spostarsi scopre subito qual è il costo e la durata prevista del viaggio, visualizzando le informazioni sullo smartphone.

PUBBLICITA

Mbility, in crowdfunding su crowdfundme.it, dopo aver superato ampiamente l’obiettivo minimo di 100k punta al mezzo milione di goal massimo. «Il nostro desiderio è quello di consentire alle persone che per qualunque ragione vivono con una disabilità di muoversi liberamente nei contesti urbani, favorendo la socializzazione e l’opportunità di accedere ai luoghi di studio, lavoro, cura e svago – spiega Marco AmicoCEO e Co-founder di MbilityCome accade per altri servizi di trasporto automobilistico, come Uber o Free Now, il passeggero può valutare gli autisti. Inoltre, abbiamo pensato che fosse importante dare la possibilità ai parenti e ai care giver di monitorare il percorso per essere sicuri che tutto vada per il meglio».

Come funziona l’ecosistema di Mbility

Mbility rappresenta il punto di incontro tra la domanda di trasporti professionali da parte degli utenti con disabilità e le società attrezzate per il trasporto di carrozzine con personale qualificato. La startup è già attiva su Milano e Hinterland grazie al supporto del Comune di Milano (che ha premiato e finanziato l’iniziativa) e a una serie di collaborazioni con trasportatori locali. «Ci siamo accorti che molte aziende di trasporto per persone con difficoltà motorie non riescono a impiegare al meglio le loro flotte. C’è una grande frammentazione nell’offerta di servizi di trasporto attrezzati e una scarsa o assente digitalizzazione dei gestori di questi servizi. Collaborando con Mbility queste realtà hanno la possibilità di lavorare di più, mentre noi facciamo conoscere più velocemente la piattaforma» sottolinea il Presidente e co-founder Alfonso Correale.

Team Mbility

Il team di Mbility. Da sinistra: Marco Amico, Alfonso Correale e Daniele Dolci.

App e dashboard dedicate

Mbility è molto più di una semplice applicazione. Accanto all’App utente di Mbility che permette di prenotare le corse, c’è anche una App per i driver. Quando un autista la attiva diventa visibile sulla piattaforma e può accettare una corsa, alla tariffa calcolata dall’algoritmo. «Abbiamo pensato a una serie di servizi modulati sulle esigenze dei diversi utilizzatori – spiega Marco Amico. All’interno della piattaforma c’è una dashboard per le aziende di trasporto che offre vantaggi come la geo-localizzazione dei veicoli e una completa digitalizzazione del flusso di lavoro. Grazie a Mbility i gestori possono risparmiare sui costi di esercizio e di back-office. Ma Mbility ha anche un’interfaccia B2B che offre agli operatori turistici, alle associazioni e alle aziende di ogni tipo la possibilità di prenotare servizi di trasporto per dipendenti, utenti e clienti con ridotta capacità motoria».

Le dimensioni del problema

In Italia le persone con disabilità (ovvero che soffrono a causa di problemi di salute, di gravi limitazioni che impediscono loro di svolgere attività abituali) sono 3,1 milioni, pari al 5,2% dell’intera popolazione di cui 1,5 milioni anziani non autosufficienti, un numero, quest’ultimo, destinato a raddoppiare entro il 2030 (fonte Istat 2019). Inoltre, circa 800.000 persone ogni anno si infortunano con gravi conseguenze che limitano la mobilità temporaneamente o permanentemente. L’Osservatorio nazionale sulla condizione delle disabilità, (nell’audizione presso la presidenza del Consiglio dei ministri del 24 marzo 2021) segnala che la capacità di spostarsi liberamente è molto limitata tra le persone con disabilità. I dati sulla mobilità, relativi al 2019, mostrano che solo il 14,4% delle persone con disabilità si sposta con mezzi pubblici urbani.

I numeri di Mbility

Al 31 dicembre 2021 in soli due mesi di attività, Mbility ha totalizzato oltre 100 download dell’app utente e realizzato 563 corse, per un costo medio a corsa pari a 37 euro. Per il 2022 il fatturato transato previsto è di circa 150mila euro. Dopo Milano, i founder hanno pianificato di estendere il servizio a Roma, Torino e Genova, ma il modello di business è pensato per essere portato in qualsiasi territorio urbano.

La forza del team

Mbility può contare su un team dalle competenze variegate, con anni di esperienza alle spalle sia manageriale a livello internazionale e imprenditoriale (Alfonso Correale), sia IT (Daniele Dolci) e nell’ambito dei trasporti e del sociale (Marco Amico). Nell’ultimo mese si sono aggiunti al gruppo dei founder due consulenti di esperienza: Matteo Brambilla che coordinerà gli aspetti amministrativi e le partnership e Daria Illy, che si occuperà di HR, organizzazione, PR e inclusion. Daria sarà anche parte dell’Advisory Board composto da personalità di spicco del mondo imprenditoriale e sociale come Oscar di Montigny (Chief Innovability & Value Strategy Officer di Banca Mediolanum), Francesco Galli (Presidente Gruppo Sandonato). Luigi Passetto (Consigliere nazionale ANGLAT), Alfredo Lovati (CEO di Beta80), Riccardo Zagaria (CEO DOC Generici) e Stefano Storti (Partner Jakala).

Per investire in Mbility basta andare suhttps://www.crowdfundme.it/projects/mbility

Ricordiamo che Mbility è una startup innovativa e pertanto chi investe nel progetto gode delle detrazioni previste dalla legge.

 

Notizia