Il software libero sbarca nell’Istituto statale per sordi

0
806 Numero visite

Venerdì 29 gennaio sarà firmato dal professor Ivano Spano, direttore dell’Istituto Statale per Sordi di Roma, e da Sonia Montegiove, presidente dell’associazione LibreItalia Onlus, un accordo di collaborazione finalizzato a supportare il progetto di migrazione dell’Istituto al “software open source LibreOffice”.

41uovfMTo7L__SX425_

L’Istituto, punto di riferimento per la popolazione sorda e i diversi operatori in grado di interagire con la stessa, inizia il cammino verso l’implementazione e l’utilizzo di software libero nella didattica e nella struttura amministrativa che porterà all’adozione di formati aperti e liberi per la produzione di documenti. Questo al fine di far comprendere l’importanza del sapere condiviso e della collaborazione che sono alla base del software libero oltre che di promuovere interoperabilità nello scambio dei documenti. Il progetto consentirà, inoltre, all’Istituto un considerevole risparmio in termini di licenze che potrà essere reinvestito in formazione (e quindi crescita professionale) dei propri dipendenti.

“LibreItalia, che nel settembre scorso ha siglato un importante accordo con il Ministero della Difesa finalizzato a supportare le attività di migrazione al “software open source LibreOffice” di circa 150mila postazioni, sosterrà il progetto attraverso seminari di informazione e corsi di formazione gratuiti ai formatori dell’Ente”, spiega Spano.

“La collaborazione con l’Istituto –afferma Montegiove – è preziosa in quanto ci consentirà di conoscere meglio questa realtà e poter sviluppare, insieme agli operatori dell’Ente, delle guide su come sviluppare contenuti didattici adatti a persone sorde”.

L’implementazione di LibreOffice verrà gestita in stretta collaborazione tra le due organizzazioni, sulla base del protocollo di riferimento redatto da The Document Foundation e secondo le migliori pratiche dei più importanti progetti nazionali e internazionali.

Subito dopo la firma dell’accordo si svolgerà il primo incontro organizzato da LibreItalia per gli operatori dell’Istituto Statale per Sordi, finalizzato a spiegare le opportunità del software libero e del progetto di migrazione a LibreOffice.

E’, questa, una esperienza pilota che apre le porte a una sua estensione a quanti interessati, a partire anche dalle persone con disabilità.

http://www.corrierecomunicazioni.it/

Newsletter