Natale a teatro con la lingua dei segni

0
475 Numero visite

VIGEVANO. Quando la lingua dei segni diventa spettacolo. Gli artisti sono attori della compagnia teatrale Lolek che domani (sabato 23 dicembre) alle 21 interpreteranno “Segni di natale”, opera liberamente tratta dal capolavoro di Charles Dickens “Canto di Natale” rappresentata però con l’arte della mimica e l’ausilio della Lis, la lingua italiana dei segni.

22 dic 2017

Sul palco di LaRoom (via Diaz 4/a) gli attori coinvolgeranno il pubblico in un percorso che li porterà nel mondo comunicativo delle persone affette da sordità: lo spettacolo sarà interamente mimato e “segnato”. «Sarà un’esperienza davvero unica – spiega Paola Carnevale, docente di lettere e responsabile della compagnia teatrale – utile anche ad imparare a non concentrarci solo su noi stessi ma ad aprirci agli altri senza esclusione. È anche un modo originale per metterci nei panni degli altri e imparare un nuovo modo di comunicare. Non è poi questo il significato del Natale?».

Come avete imparato e studiato il copione? «Abbiamo studiato il copione – prosegue Carnevale – mentre per la parte della Lis ci siamo affidati alla bravissima Francesca Cappa, che ci ha insegnato appunto la lingua dei segni. Costumi e scenografie, invece, sono frutto esclusivamente del lavoro e del contributo dei ragazzi della compagnia e delle loro famiglie».

La compagnia teatrale Lolek è nata nel 2011: «siamo un ampio gruppo di ragazzi – dice la responsabile del gruppo – che fanno del divertimento la loro arma migliore. Avevamo voglia di qualcosa di creativo e costruttivo, che potesse anche appassionarci e così abbiamo messo in piedi questa piccola compagnia amatoriale. Era un esperimento, siamo partiti con 10 ragazzi, poi siamo passati a 15 e i ragazzi siamo una ventina, tutti tra i 12 e i 30 anni. È stato un grande successo, grazie al quale sono emersi alcuni veri talenti e molto entusiasmo da parte di tutti».

Anche la locandina dello spettacolo, diciamo, lascia “il segno”. «L’immagine della locandina – conclude Carnevale – è la dattilologia di “Buon Natale”.Perché per noi questo spettacolo è

come il Natale che non necessita dell’utilo per essere “sentito”». L’ingresso, come sempre a LaRoom, sarà ad offerta, ma è consigliata la prenotazione visto il numero limitato dei posti. Per informazioni e prenotazioni si può chiamare il 366.3046408 o scrivere a info@laroom.it.

http://laprovinciapavese.gelocal.it

Newsletter