Neonati e sordità, nuovo strumento di screening a Monfalcone

Acquistato grazie alla raccolta fondi promossa dall’Associazione Onlus "Vanessa – Un ponte per la Vita e la solidarietà”. Garantirà risultati rapidi e affidabili

0
6 Numero visite
Pubblicità

Sarà consegnato il 18 dicembre presso l’Auditorium dell’Ospedale San Polo di Monfalcone un macchinario medico per otoemissioni ABR Madsen Accuscreen.

L’apparecchiatura è costata 12.200 euro.

Pubblicità

di Livio Nonis – Red I Magazine

Il progetto, partito nel 2019, grazie all’iniziativa dell’Associazione Onlus “VANESSA – Un ponte per la Vita e la solidarietà”, che, nonostante le restrizioni Covid e l’impossibilità di organizzare eventi o quant’altro, grazie anche al supporto di numerose persone, gruppi sportivi e aziende, ha raggiunto la sperata meta, l’acquisto del macchinario che consiste in un dispositivo palmare leggero e portatile per lo screening OAE ed ABR e relativo Personal computer dedicato.

Sia che venga utilizzato per gli esami dentro o fuori l’ospedale, Madsen Accuscreen rappresenta un’alternativa portatile e leggera ai più ingombranti sistemi in commercio, importante esame della cura otologica, che dovrebbe essere accessibile a tutti i bambini appena nati per superare davvero l’handicap della sordità.

Si ottengono risultati dei test in pochi minuti, o perfino secondi. Grazie a un esclusivo algoritmo, il dispositivo Madsen Accuscreen per lo screening uditivo neonatale può effettuare il test OAE e/o ABR completo in poco tempo. Ciò significa che si può esaminare un maggior numero di neonati in minor tempo, migliorando molte funzioni di gestione con l’unico obiettivo di rispondere alle esigenze d’uso dei professionisti. Una sonda angolata migliorata garantisce un inserimento sicuro e consente addirittura pratiche prima impensabili, ad esempio l’effettuazione dello screening dei bambini dal sedile della macchina.

Altre funzioni destinate ad agevolare notevolmente il flusso di lavoro dell’operatore comprendono il test rapido, senza bisogno dei dati del paziente, e test ABR flessibili, ottenuti utilizzando la sonda angolata o gli accoppiatori acustici a doppia densità, studiati appositamente per adattarsi alla forma della testa del neonato e assicurare un inserimento facile, una tenuta ottimale e una presentazione accurata dello stimolo sonoro per risultati ancora più affidabili.

Info: www.associazioneonlusvanessaguido.it

 

Notizia