Apostolo dei sordomuti nell’Italia post unitaria

0
1.003 Numero visite

In un momento difficile per l’Italia, impegnata nella costruzione di uno Stato unitario che non perdesse per strada il patrimonio umano e sociale accumulato nei secoli, san Filippo Smaldone fu un apostolo dei sordomuti, per i quali fondò un istituto a Lecce nel 1885.

Fillipo-Smaldone2

Era nato a Napoli nel 1848 e già da seminarista decise di dedicarsi a chi non sentiva. Ordinato sacerdote nel 1871, visse sempre il suo ministero accanto agli ammalati, tanto che durante un’epidemia si ammalò anche lui, anche se poi fu guarito per intercessione della Madonna di Pompei. Più tardi a Lecce istituì la Congregazione delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori. Apprezzato confessore e guida spirituale di seminaristi e preti, morì nella città pugliese nel 1923.
Altri santi. San Metrofane di Bisanzio, vescovo (III-IV sec.); san Francesco Caracciolo, sacerdote (1563-1608).Letture. Tb 2,9-14; Sal 111; Mc 12,13-17. Ambrosiano. Es 12,29-34; Sal 118; Lc 5,12-16.

http://www.avvenire.it/

Notizie via email