Cuffie e Auricolari, scatta l’allarme in Italia: rischi di diventare sordo

Usi spesso le cuffie o gli auricolari? Attenzione nelle scorse ore è scattato un allarme preoccupante: rischi di diventare sordo. Ecco perché

0
43 Numero visite
PUBBLICITA

di Martina Castellani

PUBBLICITA

Così come i cellulari anche le cuffie sono diventate un oggetto utilizzassimo in tutto il mondo. Sempre più giovani acquistano questi dispositivi che consentono di ascoltare le loro canzoni preferite anche quando sono fuori casa. Tuttavia gli auricolari stanno spopolando anche tra la generazione senior, infatti è possibile vedere anche diverse persone di una certa età con indosso un paio di cuffie.

Purtroppo però in molti sottovalutano i rischi che si nascondono dietro a questi dispositivi se adoperati nel modo sbagliato. Proprio nelle scorse ore è emerso un allarme in tutta Italia che riguarda l’utilizzo di questi strumenti tecnologici: il pericolo è quello di diventare sordi.

L’abuso di cuffie e auricolari causa sordità: l’allarme è preoccupante

La sordità è diventata un problema mondiale e purtroppo tra le cause principali oltre al fatto di essere costantemente immersi in ambienti rumorosi c’è anche l’abuso di cuffie e auricolari. Ad essere maggiormente colpiti da questa problematica sono soprattutto i giovani, i quali non si preoccupano del volume troppo alto a cui il loro orecchio è esposto.

Generalmente i nostri cellulari ci avvisano tramite un messaggio con scritto: “Il volume così alto potrebbe causare danni permanenti ai timpani delle orecchie “. Ecco proprio questo avviso viene spesso ignorato pensando che si tratti di una banalità o di una diceria. Purtroppo in realtà si tratta di pura verità che potrebbe causare danni al nostro udito piuttosto gravi.

Cuffie e auricolari: il volume troppo alto causa gravissime conseguenze all’udito

Il Professor Andrea Nacci, specializzato in Otorinolaringoiatria e Dirigente Medico Otorinolaringoiatria, ha confermato che ascoltare la musica a volume troppo alto con le cuffie potrebbe rappresentare un potenziale pericolo per sviluppare in futuro sordità o problemi gravi ai timpani.

Agli inizi del 2000 si pensava che a causare maggiormente danni all’udito fossero solamente i locali in cui la musica veniva riprodotta ad un volume troppo alto. Ora, da ormai 10 anni l’attenzione si è spostata anche sui riproduttori musicali, che come molti sapranno possono riprodurre suoni ad un livello molto elevato.

Per capire quali siano i livelli di volume dannosi basterebbe pensare che in ambito lavorativo vengono considerati rischiosi i suoni superiori a 80dB. Mentre quelli riprodotti da cuffie e auricolari possono raggiungere livelli di 80-115dB. Il consiglio finale è quindi quello di non mettere mai il volume al massimo quando si indossano questi dispositivi.

Notizia