Carta della Disabilità, nuove opportunità a Parma

Il Comune ha avviato la procedura di valutazione per l’adesione su proposta del consigliere Marco Alfredo Arcidiacono

0
33 Numero visite
PUBBLICITA

Si profila una nuova opportunità per i disabili di Parma

Il Comune ha avviato la procedura di valutazione per l’adesione alla Carta della Disabilità, una tessera che permette alle persone disabili di accedere a beni e servizi, pubblici o privati, gratuitamente o a tariffe agevolate.

PUBBLICITA

La Carta della Disabilità fa parte della Strategia dei Diritti delle Persone con Disabilità 2021-2030 voluta dalla Commissione Europea.

Si tratta quindi di un sistema europeo per il mutuo riconoscimento della condizione di disabilità fra i paesi aderenti. Vi è però anche un’altra funzione ovvero la possibilità da parte del disabile di ottenere beni o servizi gratuiti da tutti gli enti o le aziende che aderiranno alla convenzione.

«Sono felice – afferma il consigliere Marco Alfredo Arcidiacono – che la mia richiesta all’assessorato alle Politiche Sociali abbia ottenuto un riscontro immediato, il Comune di Parma ha quindi l’opportunità di aderire fra i primi in Italia a un’iniziativa importante con l’augurio che possa portare importanti agevolazioni e benefici a chi soffre di disabilità. Anche in questa volontà dobbiamo far emergere un cambio di passo rispetto al recente passato».

La proposta è stata inoltrata dal consigliere già a metà agosto, ora il Comune ha avviato le valutazioni e le analisi del caso così da poter integrare servizi e agevolazioni già esistenti con il nuovo sistema che potrà coinvolgere anche altri enti o aziende private.

Al momento hanno aderito alla Carta della Disabilità i comuni di Ferrara, Riccione, Verona, Lissone e Alessandria, i Musei Civici di Venezia, ma anche Grimaldi Lines. I possessori della Carta della Disabilità potranno ottenere agevolazioni per l’ingresso in vari musei e per diversi servizi come il trasporto pubblico. Al momento sono ancora pochi i partner privati che hanno aderito me, sempre come esempio, è possibile prevedere che siano possibili sconti per i disabili che vogliono fare un viaggio utilizzando quella particolare compagnia di navigazione.

La nuova Carta della Disabilità sostituisce a tutti gli effetti i certificati e i verbali attestanti la condizione di disabilità. Permette fin da subito accesso gratuito o con tariffe agevolate nei musei statali di tutto il territorio nazionale e a luoghi di cultura non solo nei paesi UE aderenti al progetto come Finlandia, Estonia, Cipro, Belgio, Malta Romania e Slovenia.

Richiedere la carta è abbastanza semplice, la procedura è online sul sito INPS o, nel caso di grave disabilità, ci si può rivolgere agli uffici INPS territoriali. Possono richiederla gli invalidi civili maggiorenni con invalidità certificata pari o maggiore del 67% invalidi civili minorenni, cittadini con indennità di accompagnamento, cittadini con certificazione ai sensi della Legge 104/1992, Art 3 comma 3, ciechi civili, sordi civili, invalidi e inabili ai sensi della Legge 222/1984, invalidi sul lavoro con invalidità certificata pari o maggiore del 35%, invalidi sul lavoro o con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa o con con menomazioni dell’integrità psicofisica, inabili alle mansioni (ai sensi della Legge 379/1955, del DPR 73/92 e del DPR 171/2011) e inabili (ai sensi della Legge 274/1991, art. 13 e Legge 335/1995, art. 2), cittadini titolari di Trattamenti di privilegio ordinari e di guerra.

L’avvio della procedura di valutazione dei giorni scorsi avvicina Parma all’Europa.

La procedura al momento è ancora in fase embrionale ovvero alla valutazione dell’adesione e delle possibili agevolazioni. A seguito della convenzione, oltre alle agevolazione dirette ai disabili parmigiani e italiani, le persone con disabilità di tutta Europa potranno trovare maggiori attenzioni anche a Parma con tutte le agevolazioni del caso ora in via di sviluppo.

 

Notizia