Fontana: “Per i disabili e le famiglie il mio ministero ha 3 miliardi”

0
261 Numero visite

“Soldi ai disabili o niente firma sul reddito di cittadinanza”.

Fontana: “Ma per loro e le famiglie il mio ministero ha 3 miliardi. Tav Brescia-Verona necessaria. Autonomia, chi ha dubbi li risolva”.

Partiamo dalla nota –  “Nella bozza di decreto sul reddito e pensioni di cittadinanza presentata alla riunione di preconsiglio di questo pomeriggio non sono previsti interventi diretti per l’innalzamento delle pensioni di inabilità né adeguati aiuti alle famiglie con disabili e numerose. Senza risposte concrete alle richieste del mondo della disabilità e delle famiglie questa bozza non avrà il nostro supporto” – Quale sviluppo ci sarà? Considerando la delega del ministro ma anche il ruolo politico che nella Lega, come incalzerà il 5 Stelle e il presidente Conte si questi temi? E ancora: sul reddito di cittadinanza troverete la quadra, anche sul fronte stranieri?

“Se la proposta che approderà nelle sedi politiche competenti riconoscerà adeguato sostegno – come previsto dal contratto di Governo – alle persone con disabilità, alle loro famiglie e alle famiglie numerose, allora il nostro sarà un sì. Se invece il testo rimarrà quello presentato in preconsiglio martedì sera, non avrà il nostro supporto”.

In sintesi come saranno indirizzati i tre miliardi ottenuti per il suo ministero?

“Siamo quelli che – tra famiglia e disabilità – hanno ottenuto più fondi. In soli sette mesi di governo sono stati stanziati circa 3 miliardi di euro per le famiglie e le persone con disabilità.

Abbiamo potenziato il fondo per la non autosufficienza, passato da 450milioni a 550milioni, quello  per le politiche sociali, passato da 280 a 400milioni di euro, a regime, abbiamo investito 300milioni di euro per il trasporto degli alunni con disabilità, abbiamo rimediato ai tagli del Pd sul Dopo di noi – , riportando da 51 a 56milioni di euro le risorse stanziate – e sulla biblioteca nazionale dei ciechi. E ancora: d’intesa con il ministero dell’Istruzione saranno assunti 40mila insegnanti di sostegno, sono stati investiti 7 milioni di euro per le persone sorde e con ipoacusia, altri 6 milioni di euro per la formazione dei docenti di sostegno sulla Lingua dei segni italiana. E’ stato incrementato il fondo di sostegno per le famiglie vittime di gravi infortuni sul lavoro. Circa un  miliardo e mezzo di risorse sarà previsto per la famiglia. Nel 2019 per ogni nuovo nato mamme e papà riceveranno: l’assegno ‘premio’ alla nascita di 800 euro, gli incentivi per l’accesso al nido – per i primi tre anni di vita – di 1.500 euro (incrementato del 50% rispetto ai 1.000 euro del passato) e, per chi ha i requisiti Isee, fino ad altri 2mila euro circa di incentivi alla natalità, maggiorati di un ulteriore 20% per ogni figlio successivo al primo. Con la nuova flessibilità sui congedi le mamme potranno scegliere di astenersi dal lavoro fino a cinque mesi dopo il parto e i padri fino a sei giorni. Con la carta famiglia, inoltre, le famiglie numerose potranno accedere a sconti e agevolazioni e sarà più facile l’accesso allo smart working per le mamme o per i lavoratori con figli disabili che hanno bisogno di assistenza”

Autonomia e dubbi 5 Stelle: come e quando, per il Veneto, ci sarà?

“L’autonomia è un tema fondamentale, più importante del Governo. E’ in corso una trattativa che vede impegnati il Ministro Erika Stefani e il Presidente Luca Zaia, con il sostegno e l’attenzione di tutta la componente Veneta della Lega. L’obiettivo di tutti è far sì che il Veneto sia accontentato nella maniera più completa possibile. Dal premier Conte e dal vicepremier Di Maio sono arrivate parole inequivocabili sulla volontà del M5S di arrivare all’obiettivo dell’autonomia. Se qualcuno ha dubbi e perplessità dovrà risolverli al proprio interno. Noi vigileremo e agiremo nel caso di eventuali rallentamenti o anomalie”.

Missione in Europa e incontri con movimenti e partiti del fronte “identitario”: quali sono i risultati in vista delle europee?

“Lavoriamo alla creazione di una grande alleanza identitaria, con tanti alleati di ogni parte d’Europa. Puntiamo a diventare uno dei più importanti gruppi, per rappresentanza e peso politico, all’interno dell’Europarlamento. Le forze identitarie, in Europa e oltre i confini d’Europa, sono in forte ascesa. Alla faccia di chi, in Italia, dice che siamo isolati…”

Tav e grandi opere: il ministro Toninelli dice che nessuno è stata fermata, tranne la Tav Torino-Lione sulla quale annuncia a breve l’esito della commissione per l’analisi costi-benefici. Per la Tav sull’asse Brescia-Verona-Vicenza-Padova ci saranno tentennamenti?

“Riteniamo che la Tav Brescia – Verona sia un’opera necessaria e che, in generale, le grandi opere – se ben fatte e condivise con i territori – siano irrinunciabili per la crescita del Paese.

Per quanto riguarda la Tav Brescia – Verona, trattandosi di un’infrastruttura sentita e fondamentale per i nostri territori, sono pronto a farmi interprete presso il Governo della volontà degli enti locali”

Su temi cardine del contratto come il reddito di cittadinanza e pensioni, ma anche sull’autonomia caro alla Lega, ci sono attriti tra Lega e 5 Stelle: come garantirete il rispetto degli accordi?

“C’è un contratto – frutto del lavoro e sintesi delle sensibilità dei due partiti – e lavoriamo su quello. Questa è già di per sé una garanzia. I fatti dicono che la coabitazione con l’altro partito è stata fino ad oggi produttiva e ha portato a importanti risultati, andiamo avanti su questa linea”

Decreto sicurezza, oltre ai sindaci si muovono anche Regioni. Un suo commento

“La posizione di qualche sindaco e governatore di sinistra mi è sembrata e mi sembra strumentale e più orientata ad avere visibilità per sé che interesse nel merito del provvedimento.

Quale sindaco si può dichiarare contrario al potenziamento degli organici di polizia, al rafforzamento degli strumenti antimafia e antiterrorismo, alla stretta sull’immigrazione clandestina e incontrollata?

Mi fa piacere che tanti sondaggi abbiano attestato che – ancora una volta – la grande maggioranza dei cittadini sta con Salvini. Noi andiamo avanti, agendo per difendere gli interessi dei cittadini, confortati dal supporto e dal sostegno di tanti”.

Enrico Giardini http://www.mfd.gov.it/

Newsletter