Via libera del Senato al ddl scuola

0
688 Numero visite

 – Ok del Senato alla fiducia chiesta dal Governo sul maxiemendamento sostitutivo decreto legge sulla scuola. I sì sono stati 168, i no 90 e un solo astenuto. Con la maggioranza hanno votato anche tutti e 20 i senatori del gruppo di Ala. Il provvedimento, che passa ora all’esame della Camera, garantisce, dichiarano dal Miur, un “sistema piu’ sicuro a tutela dei supplenti e degli alunni disabili”.

Un momento della votazione al Senato sul Documento di economia e finanza (Def) 2016. L'Aula ha approvato con 181 sì, 102 no e 6 astenuti la risoluzione che approva la relazione del governo del rinvio del pareggio di bilancio. Roma, 27 Aprile 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI
Un momento della votazione al Senato sul Documento di economia e finanza (Def) 2016. L’Aula ha approvato con 181 sì, 102 no e 6 astenuti la risoluzione che approva la relazione del governo del rinvio del pareggio di bilancio. Roma, 27 Aprile 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Martedì 17 riprende in Commissione Cultura alla Camera l’iter parlamentare della conversione in legge del decreto 42 sulla funzionalità del sistema scolastico. Il decreto, approvato in Cdm lo scorso 25 marzo, prevede tra l’altro il prolungamento del Programma ‘Scuole Belle’ dal primo aprile 2016 al 30 novembre 2016 con uno stanziamento di 64 milioni.

Nella slide di sintesi del ministero dell’Università e della Ricerca, sono 6 i punti principali del testo:

1) Raddoppiato il compenso per i commissari del concorso docenti;

2) Procedure più efficienti e tempi certi (massimo 30 giorni) per il pagamento delle supplenze;

3) #scuolebelle, prorogati gli interventi di decoro e piccola manutenzione;

4) 12 milioni all’anno dal 2017 per il sostegno dei bambini con disabilità delle scuole paritarie;

5) #bonus18enni (500 euro) esteso ai ragazzi con cittadinanza extra Ue residenti in Italia;

6) #eccellenze, 3 milioni all’anno (permanenti) per la scuola di dottorato del Gran Sasso Science Institute“.

“Prima di questi due anni la scuola era un groviglio di diritti contrapposti di insegnanti che hanno patito troppi anni di precariato tra operazioni politiche demagogiche e tagli”. Novità anche per quanto riguarda il calcolo dell’Isee per le famiglie con componenti disabili: vengono escluse dal reddito disponibile quei trattamenti assistenziali che non rientrano nel reddito complessivo Irpef. Critiche riprese anche dal presidente emerito Giorgio Napolitano che ha invitato il governo a fare chiarezza su “decisioni frettolose e discutibili”.

Con la fiducia non è stato comunque votato un ordine del giorno presentato dalla senatrice a vita Elena Cattaneo su un progetto, quello dello Human Technopole di Milano, che vale 1,5 miliardi e definisce il futuro dell’area Expo. “Una volta ricevuti i riscontri dei 9 valutatori internazionali” scelti per il progetto dell’Iit, questo “sarà reso pubblico”, è stata la replica del sottosegretario all’Istruzione Andrea D’Onghia che ha assicurato “la massima trasparenza

http://ciociariareport24.it

Newsletter