ThinkAnimal – 1 Marzo 2014, Padova – un incontro aperto a tutti

0
1.454 Numero visite
villa_aerea
Villa Contarini Padova

la Fondazione Ghirardi sta organizzando un incontro di una giornata dal titolo “ThinkAnimal – Il mondo visto dagli animali non-umani”. L’evento si terrà sabato 1 Marzo 2014 (data da confermare) presso Villa Contarini (Padova, http://www.villacontarini.eu/it/la-fondazione-ge-ghirardi.html). Il sito internet dell’evento è attualmente in fase di costruzione.

L’incontro è dedicato all’esplorazione delle abilità cognitive e delle emozioni di quegli animali che sono, direttamente o indirettamente, maggiormente presenti nella nostra vita quotidiana (animali da compagnia, da fattoria, da reddito, animali selvatici in cattività). L’idea è quella di fornire al pubblico gli strumenti necessari per comprendere il mondo interiore dei questi animali, e di sensibilizzarli alla comprensione dei loro bisogni psicologici, oltre che fisici. Una consapevolezza che potrebbe migliorare la gestione del loro rapporto con gli animali domestici, o influenzare le loro scelte come consumatori.

Ho chiesto che all’incontro sia presente un traduttore nella lingua dei segni. Sono stata a tanti convegni nazionali ed internazionali, e mai una volta ho visto l’incontro tradotto nel linguaggio dei segni. Quando ho chiesto alla Fondazione se era possibile tradurre l’incontro, mi hanno subito detto di sì entusiasti dell’idea. Mi sembra giusto che tutti abbiano la stessa possibilità di accesso alle risorse, in particolar modo quando si tratta di risorse culturali. ThinkAnimal, in particolare, vuole migliorare il rapporto fra esseri umani ed animali non-umani, un tema di interesse globale.

La Fondazione si impegnerà a chiamare un traduttore nel caso in cui riceva delle adesioni. Spero di contare sul vostro aiuto per diffondere il più possibile questa iniziativa. L’ideale sarebbe poter ricevere delle conferme di partecipazione, da inoltrare poi alla Fondazione.

Scopri il tutto programma in formato PDF – La conferenza  sarà tradotta in linguaggio Lis

Rachele Malavasi

Newsletter