Pubblicità

La delega potrà essere richiesta sia dal cittadino impossibilitato a gestire in autonomia i servizi INPS, sia da tutori, curatori e amministratori di sostegno di persone con disabilità

Pubblicità

Dal 1 ottobre il PIN INPS verrà definitivamente dismesso per lasciare il posto allo SPID per accedere ai servizi telematici. I tutori, i curatori e gli amministratori di sostegno e gli esercenti la potestà genitoriale che attualmente utilizzano il PIN INPS per conto dei soggetti da loro seguiti, dovranno attivarsi in vista della disattivazione dei PIN INPS.

Per questi utenti è prevista la possibilità, dal 16 agosto 2021, di ottenere la delega dell’identità digitale per poter esercitare i diritti dei rispettivi soggetti rappresentati e dei minori presso i sistemi INPS.
Tale misura interessa non solo il minore o la persona con disabilità tutelata da queste figure, ma in generale il cittadino che sia impossibilitato ad utilizzare in autonomia i servizi online dell’INPS, il quale potrà delegare un’altra persona di sua fiducia all’esercizio dei propri diritti nei confronti dell’Istituto.

COME PRESENTARE RICHIESTA DI DELEGA
In linea generale, la richiesta può essere presentata direttamente dal delegante presso una qualsiasi Struttura territoriale dell’INPS esibendo:
– modulo di richiesta di registrazione della delega dell’identità digitale (mod. AA08 scaricabile dal portale www.inps.it);
– copia del documento di riconoscimento del delegante.
L’operatore INPS, dopo aver accertato l’identità del richiedente, provvederà a registrare la delega nel sistema. A valle del completamento delle attività, laddove siano presenti i rispettivi contatti telematici (e-mail, cellulare), il sistema invierà una notifica al delegato e al delegante:

È consentita la richiesta della registrazione della delega da parte di persona diversa dal delegante esclusivamente nei seguenti casi:

a) i tutori, i curatori e gli amministratori di sostegno possono richiedere la delega autocertificando la rappresentanza legale ovvero producendo la documentazione atta a provarla. In caso di autocertificazione, la delega potrà essere registrata solo all’esito delle verifiche di veridicità delle dichiarazioni rese, presso l’Autorità competente.
In questo caso il richiedente deve esibire la seguente documentazione:
– modulo di richiesta di registrazione della delega dell’identità digitale per tutori, curatori, amministratori di sostegno e minori (mod. AA10 scaricabile dal portale www.inps.it);
– copia del documento di riconoscimento del richiedente;
– copia del documento di riconoscimento del tutelato;
– autocertificazione o copia del provvedimento di nomina emesso dal giudice;

b) gli esercenti la potestà genitoriale possono richiedere la registrazione della delega per conto del minore.In tal caso il richiedente deve esibire la seguente documentazione:
– modulo di richiesta di registrazione della delega dell’identità digitale per tutori, curatori, amministratori di sostegno e minori (mod. AA10 scaricabile dal portale www.inps.it);
– copia del documento di riconoscimento del richiedente;
– autocertificazione attestante la potestà genitoriale;

c) le persone allettate per lunga durata, ricoverate o impossibilitate a recarsi presso gli sportelli dell’Istituto a causa di patologie, possono richiedere la registrazione della delega anche attraverso il delegato che dovrà produrre la seguente documentazione:
– modulo di richiesta di registrazione della delega dell’identità digitale per impossibilitati a recarsi presso la Struttura territoriale INPS per motivi di salute (mod. AA09 scaricabile dal portale www.inps.it);
– attestazione sanitaria prodotta da un medico del SSN attestante l’impossibilità del delegante a recarsi presso la Struttura INPS;
– documento di identità originale del delegante;
– copia del documento di identità del delegato.

Per approfondire:

Circolare INPS n° 127 del 12-08-2021

In disabilicom:

Legge 104. Il punto sulle certificazioni e prescrizioni necessarie per l’iva al 4% su sussidi

Modello RED e titolari di invalidità civile e assegno sociale: occhio alle comunicazioni reddituali

Redazione

 

Notizia