Palermo, peculato all’istituto sordomuti: rinviato a giudizio un dirigente

0
448 Numero visite

Nomine a dirigente senza concorso all’istituto nazionale sordomuti di Palermo, spese estranee ai fini istituzionali dell’istituto o prive di documentazione giustificativa oppure per il pagamento di compensi non dovuti. Rinviato a giudizio Ciro Sucato, componente del Cda e consigliere vicario dell’istituto sordomuti, per peculato.

di ROMINA MARCECA

Sucato, difeso dall’avvocato Enrico Tignini, era stato coinvolto in un’indagine nel 2009 insieme ad altri sette componenti dell’istituto

tra i quali l’ex presidente, il direttore amministrativo, il direttore generale, il segretario e altri due componenti del consiglio di amministrazione. Il danno stimato, allora, era di circa un milione di euro. Già rinviato a giudizio una prima volta per gli stessi fatti, a Ciro Sucato era  stata annullata la condanna a 4 anni e 4 mesi in secondo grado.

In questo procedimento a difendere l’istituto per sordomuti sono gli avvocati Mauro Badagliacca e Maurilio Panci

http://palermo.repubblica.it/

Newsletter