Festival di Sanremo 2020 accessibile per i sordi in LIS

0
811 Numero visite

Ieri, 4 febbraio, ha avuto inizio il Festival della Canzone Italiana.

Gli organizzatori della manifestazione lo avevano annunciato come il Sanremo più accessibile di sempre consentendo anche alle persone sorde di seguire il festival in Lingua dei Segni Italiana; l’ENS, dopo aver seguito con attenzione la prima serata, non può che confermare la buona riuscita dell’esperimento.

COMUNICATO STAMPA – SANREMO ACCESSIBILE comunicato stampa SANREMO ACCESSIBILE

In osservanza del Contratto Nazionale di Servizio e in seguito alle numerose riunioni prima tra ENS e RAI e successivamente all’interno del Comitato di Confronto presso il MiSE, il Presidente dell’ENS Giuseppe Petrucci si è detto “molto soddisfatto che la Rai abbia deciso di garantire per tutte le cinque serate del Festival di Sanremo il servizio di sottotitolazione in diretta e, novità assoluta, l’interpretazione in Lingua dei Segni Italiana abbattendo finalmente la barriera alla comunicazione che ha fino ad oggi impedito ai sordi di seguire l’evento d’intrattenimento televisivo italiano dell’anno” ha proseguito Petrucci “questa edizione del Festival rappresenta un bel passo avanti in termini di accessibilità per rendere il Servizio pubblico radiotelevisivo realmente accessibile e far rispettare così i diritti di cittadinanza di tutte le persone sorde e un’importante occasione per dare visibilità e sensibilizzare l’opinione pubblica e le Istituzioni sulla Lingua dei Segni Italiana, di cui chiediamo da troppo tempo il riconoscimento”.

Ha concluso infine il Presidente ENS Petrucci augurandosi “che questo coraggioso esperimento non rappresenti un unicum e che la Rai replichi un investimento di tal genere andando ad aumentare il numero di programmi – di attualità, informazione e cultura in primis – tradotti in Lingua dei Segni Italiana a partire dalle edizioni ordinarie dei telegiornali”.