Mondiale calcio a 5 sordi, Italia tra le favorite. Scaglione: “Una grande sfida”

0
85 Numero visite

Mondiali di calcio a 5 sordi all’orizzonte, la Nazionale azzurra è pronta per sognare in grande

La squadra che partirà per la Svizzera è affiatata, reduce dalla medaglia di bronzo dello scorso anno agli Europei finlandesi, desiderosa di confermarsi e, perchè no, di migliorare, di desiderare sempre di più, di guardare al futuro come un’occasione di crescita continua.

SCAGLIONE – “Il gruppo è pronto e lo staff farà di tutto per mantenere la squadra unita per affrontare questa grande sfida – racconta il direttore tecnico, Mirko Scaglione –. Siamo consapevoli di poter fare molto bene così come abbiamo fatto agli Europei del 2018. Il primo passo sarà superare il girone, poi ogni partita sarà a sé, un pezzo alla volta per arrivare più in fondo possibile a questo evento”. Un evento internazionale che non può prescindere dal campionato italiano griffato FSSI del quale Mirko dice: “Nel campionato di calcio a 5, quest’anno, si sono iscritte solamente dieci squadre.

Il numero delle società, purtroppo, negli ultimi anni è diminuito molto, la maggior parte delle defezioni è avvenuta per motivi economici. Mi rendo conto che di questi tempi per una squadra sia molto difficile trovare degli sponsor e la mia speranza è che il calcio a 5 dei sordi possa tornare come negli anni 90, quando ero ragazzino io: in quel periodo, c’erano più di trenta squadre e persino la serie B”.

Il Mondiale di calcio a 5 si disputa in Svizzera a Winterthur dal 9 al 16 novembre.

Si tratta della 4°edizione organizzata dall’ ICSD (International Committee of Sport for the Deaf). Le squadre partecipanti sono 16 e si giocherà sempre a Winterthur in tre palazzetti. La finale sarà il 16 novembre. “Tra le favorite del torneo metto in primo piano la nostra Italia, a seguire ci saranno i campioni dell’ultimo Europeo: la Spagna. Aggiungo anche la temibile Russia e la Thailandia che troveremo nel nostro girone. Non escludo che ci possano essere delle possibili sorprese come il Brasile o la Croazia”. Tornando all’ambito nazionale, il calcio a 5 dei sordi vive una simbiosi con il calcio a 5 udenti, inevitabilmente: “Trovare talenti non è facile perché ci sono parecchi sordi che giocano nel campionato Figc ma che non sanno che esiste un campionato dei sordi. Il merito va alle società sportive FSSI di calcio a 5 che scoprono nuovi giocatori con tanta pazienza e tanta attenzione”.

GLI AZZURRI – Ecco la rosa: Fabio Amas, Salvatore Bilgini, Simone Cicero, Giuseppe Cirrone, Alessandro Cuscela, Davide Grippo, Aldo Lucchese, Carlo Melfi, Edoardo Monaco, Giuseppe Oneri, Mario Passarelli, Dino Scaglione, Salvatore Terranova, Fabrizio Vanacore. Staff: Mirko Scaglione (Direttore Tecnico), Stefano Subrani (Allenatore), Arnaldo Costanzi (Preparatore dei portieri), Federico Pecora (fisioterapista). Ecco invece i piazzamenti degli azzurri negli ultimi vent’anni agli Europei: 5° posto in Bulgaria nel 2002, 9° posto in Svizzera nel 2010, 7° posto in Bulgaria nel 2014, 3° posto in Finlandia nel 2018. Questi i piazzamenti ai Mondiali: 3° posto nel 2007 in Bulgaria, 9° posto nel 2011 in Svezia e 5° posto nel 2015 in Thailandia.

http://www.calcioa5live.com/

 

Newsletter