Figlio uccide a coltellate il proprio padre!

0
992 Numero visite
PUBBLICITA

Non vi è alcuna pietà umana nei confronti di minori, di disabili, di fanciulle, delle donne violentate, uccise in questi ultimi tempi, ora da qualche tempo i figli uccidono i genitori o viceversa. !

PUBBLICITA

192057003-ca8597d6-7064-43e0-b2bb-b3b77e7562bcQuesta volta il fattaccio è avvenuto a Roma i Via Vitelleschi a pochi metri da Piazza Risorgimento e dalla Basilica di San Pietro , dove tale Maurizio Bavaresco uccide a coltellate il proprio padre perché “ ERO POSSEDUTO”.

Anche se episodi dettati da menti psicologicamente alterate, comunque, le infibulazioni ( mutilazioni genitali femminili), soprusi, abusi sessuali, stupri anche su persone deboli ed indifese, genitori che uccidono i propri figli, figli che uccidono i genitori come nell’episodio citato : ci lasciano allibiti, sconcertati, attoniti, increduli !

Non vogliamo “raccontare” questo orribile avvenimento, lo lasciamo alle cronache, ma ancora una volta sottolineare, per non dire richiamare le Istituzioni verso questi drammatici avvenimenti ormai ricorrenti, di grande rilievo sociale, si verificano quasi quotidianamente, con una, forse, scarsa legge di “protezione”.

Le altre “pazzie” compiute dagli autori sono tali e tante malgrado che sono state espresse da troppi anni perplessità sulla carenza di strutture adeguate dove “albergare i ” malati psichici. E’ una vera vergogna che dura da ben 38 anni !

Insiste una indefinibile insoddisfazione che pervade nell’opinione pubblica sulla chiusura degli ex-ospedali psichiatrici ( i manicomi, ma comunque, assurdo ma necessario, quanti ce ne vorrebbero !), perché le Istituzioni non hanno programmato adeguate strutture atte alla prevenzione cura ed inserimento sociale con una seria programmazione, della salute mentale, nonché prevedere e provvedere a garantire sicurezza per i cittadini.

 

Le famiglie dove vi è questo tipo di “malati” sono state costrette a ricorrere invano alla ricerca di un posto dignitoso nella sanità italiana, sono state costrette a soluzioni davvero precarie, sono state costrette ed obbligate ad avviare questi “infelici” della Sanità verso Istituti Religiosi Cattolici o , peggio, verso esose strutture ospedaliere private.

Allora dobbiamo “gridare” senza indugio che lo scandalo dei manicomi prima e la mancata risoluzione di questo disagio socio-sanitario dopo, costituiscono la vergogna del secolo scorso e la diretta, pacifica, ipocrita continuazione in questo 2016, tre decennio dopo l’entrata in vigore della legge 180 e 833 che hanno “chiuso” i manicomi.

E’ una forte preoccupazione per l’estendersi di questi ”atti”, “fatti”, “misfatti” che riguardano l’infanzia violentata, la spicciola coazione tra gli adolescenti, l’aggressività tra consanguinei vittime innocenti dove spesso ci scappa il morto, gli stupri spesso ricorrenti, mostruose azioni che danneggiano irrimediabilmente la dignità umana dei minori o delle donne, i continui omicidi-suicidi dei coniugi ormai all’ordine del giorno e purtroppo via discorrendo !

Ma, ora, si uccide, un essere umano per un nonnulla ( ERO POSSEDUTO e per converso si esaltano gli animali ! ( con tutto il rispetto verso questi ultimi ! )

Cosa bisogna dire di “coloro” che ci dovrebbero tutelare, cosa bisogna pensare della “politica” indifferente dove tutti stanno come galli nel pollaio e si beccano per un nonnulla, si inventano ogni cosa, si trincerano dietro ipocrisie ( come quelle di difendere le famiglie, le persone deboli, le persone incapaci di reagire ! ) e non riescono a distinguere le “cose pubbliche” da salvaguardare da quelle “cose personali”da vanificare in una spaventosa corruzione .

 

Ma perché i politici, con la loro immutata totale assenza, non ascoltano la disperazione, l’indignazione, la rivolta morale, la richiesta dei loro concittadini, che vedono sempre più nero il loro futuro, per quanto avviene nel quotidiano ?

Ma difendere  l’essere umano, è un dovere inconfutabile per non dare spazio a coloro a cui manca la consapevolezza delle loro azioni, oppure è un atto di civiltà ?

Difendere questi incolpevoli “desaparecidos della n/s civiltà” ( i malati mentali), è una battaglia inutile e vergognosa, oppure una guerra di giustizia perduta ?

Difendere i diritti dei deboli”, come dice molto bene il Cardinale Dionigi Tettamanzi,  sono o non sono “diritti dei deboli ” ?

Crisi economica, instabilità, corruzione : è un decadimento dei valori morali !

Con le sagge parole del Santo Giovanni Paolo II° : Andiamo avanti con speranza !”

 

 

PUBBLICITA
Notizia