– 316 giorni alle Paralimpiadi di Tokyo 2021: Il ritorno dello sport incoraggia l’IPC, parla Spence

0
3 Numero visite

La ripresa dello sport in tutto il mondo ha incoraggiato il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) affinché i Giochi Paralimpici di Tokyo 2020 riorganizzati possano andare avanti il prossimo anno, secondo Craig Spence, chief marketing and communication officer dell’IPC.

Parlando a LockerRoom, il sito web con sede in Nuova Zelanda Newsroom, Spence ha evidenziato gli eventi che ricominciano in Australia e Nuova Zelanda e il completamento della UEFA Champions League in Portogallo, come motivi di ottimismo per gli organizzatori di Tokyo 2020.

Il Comitato Olimpico Internazionale e i funzionari giapponesi hanno intensificato la loro positiva offensiva di Public Relations negli ultimi mesi, affermando con fiducia che i Giochi si svolgeranno nel 2021. Il presidente dell’IPC Andrew Parsons ha anche pubblicamente affermato di sperare che le Paralimpiadi, che si terranno dal 24 agosto al 5 settembre, saranno organizzate come previsto. E’ stato anche insistito sul fatto che un vaccino per COVID-19 non è essenziale per il proseguimento dei Giochi.

“Sono molto incoraggiato da ciò che sta accadendo in tutto il mondo”, ha detto Spence.

“In Nuova Zelanda e Australia, lo sport sta tornando di nuovo. E in Europa, la Champions League ha raggiunto il culmine con tutte le squadre che sono andate in Portogallo per giocare.

Ovviamente c’è una differenza tra un torneo di calcio a otto squadre e le Paralimpiadi in cui invitiamo 4.300 atleti a competere. Sappiamo di più sul coronavirus e su come possiamo proteggere le persone dal virus. Stiamo imparando da altri eventi sportivi, come gli US e gli Open di Francia. Crediamo che sarà un gioco molto speciale e molto emozionante”.

Spence ha aggiunto che ritiene che le Paralimpiadi “siano necessarie l’anno prossimo più che mai” e ha rivelato la sua preoccupazione per il fatto che i paesi che affrontano la crisi del coronavirus siano “tornati a scrivere” con il loro atteggiamento nei confronti della disabilità. “Durante questa crisi, alcuni paesi sono tornati a scrivere e hanno annullato parte del grande lavoro svolto negli ultimi anni”, ha detto. “Dal punto di vista della disabilità siamo stati davvero allarmati dal fatto che alcuni governi abbiano detto: ‘Se hai una disabilità sei in fondo alla coda per le cure mediche se dovessi prendere il coronavirus’.

Dobbiamo continuare il grande lavoro che abbiamo svolto da quando ci siamo formati”.

 

Newsletter