“Sogno la lingua dei segni a scuola”

Imma Vanacore, “sorda pura“, si è diplomata con 92100 all’’Olivetti di Rho. E ha già grandi progetti

0
140 Numero visite
PUBBLICITA

La ventenne aresina Immacolata Vanacore detta “Imma“ stappa lo spumante dopo aver saputo l’esito dell’esame «Il racconto dell’esperienza di alternanza scuola-lavoro in un asilo è stata molto toccante», dice Francesca Varagnolo

PUBBLICITA

di Roberta Rampini

“Sarebbe bello se ci fosse una legge che potesse aiutare gli studenti sordi di tutta Italia e sarebbe importante che gli insegnanti imparassero almeno le basi della Lis”. È l’auspicio di Immacolata Vanacore, 20 anni di Arese, “sorda pura” come si definisce lei, neodiplomata con la votazione di 92/100 all’istituto Olivetti di Rho, indirizzo servizi sociosanitari. Il sogno di Imma (così la chiamano tutti) invece è quello di “aprire un’attività integrata dove accogliere bimbi sordi e udenti di tutte le nazionalità per garantire loro fin di primi mesi di vita un ambiente ricco di proposte ed esperienze inclusive.

Un luogo dove parole e segni siano una forma di espressione naturale e condivisa da maestre e alunni”.

La studentessa ricorda cinque anni di studio “difficili, perché ogni anno cambiavo insegnante di sostegno, poi ci sono stati tantissimi mesi in Dad in cui è stato ancora più faticoso e poi anche quando siamo tornati in aula con le mascherine non è stato facile comprendere compagni e professori”, considerato che era impossibile in quelle condizioni leggere il “labiale“. Imma nei giorni scorsi ha affrontato la prova d’italiano, il tema d’igiene e l’esame orale presentando alla commissione il suo percorso traversale. Durante il colloquio i segni di Imma e le sue flebili parole sono stati tradotti da Francesca Varagnolo, assistente alla comunicazione (della cooperativa Eloiseloro), con la collaborazione di Marina Vitali e Delia Bovio, insegnanti di sostegno.

L’esame orale sulle materie d’indirizzo ha trasportato i professori in un mondo accessibile a tutti dove la parte visiva, con qualche suggerimento vocale, è diventata quella principale per comprendere l’esperienza della studentessa, unica sorda in una classe di udenti. “Imma è una studentessa molto intelligente e determinata, in questi ultimi mesi con lei ho lavorato molto sulla preparazione scolastica ma soprattutto sulla consapevolezza della responsabilità sociale – racconta l’assistente alla comunicazione Francesca Varagnolo –. Affrontando l’esame di maturità ha dato prova di quello che può fare e quindi l’ho spronata perché condividesse con la commissione d’esame la sua riflessione sul mondo dei sordi e su quello che si dovrebbe fare. Il racconto della sua esperienza di alternanza scuola-lavoro in un asilo è stato un momento molto toccante”. E il futuro? “Forse l’università, ma non ho ancora deciso”, risponde Imma. Intanto si gode l’ottimo risultato e le vacanze, poi ci penserà.

L’esperienza di Imma è motivo di orgoglio per la scuola superiore rhodense, “Il Puecher Olivetti crede nell’inclusione come pratica quotidiana e il percorso di Imma ne è una delle dimostrazioni più chiare – dichiara il preside Emanuele Contu –. Essere inclusivi per noi significa sapere che ogni nostro studente, ciascuno con le caratteristiche sue personali, ha qualcosa da insegnare a tutti coloro che condividono questo tratto di strada: per questo Imma è stato un dono grande per la nostra comunità e le siamo grati per quanto ha imparato con noi e per quanto ci ha insegnato”.

 

Notizia