La scuola di qualità? Con classi da non oltre 15 alunni: l’esempio dell’istituto per sordi Magarotto

0
824 Numero visite
PUBBLICITA

Intervista ad Isabella Pinto, dirigente scolastica dell’Istituto statale dove alunni sordi e udenti si “mischiano” e aiutano reciprocamente, andando a creare un livello di inclusività altissimo con i ragazzi normodotati “chiamati” ad entrare nel mondo delle persone sorde: il numero esiguo di alunni per classe, non più di 10-15 alunni, un terzo dei quali sordi, consente di attuare l’individualizzazione e personalizzazione dei percorsi.

PUBBLICITA

Nelle sedi di Roma (dove è collocata la dirigenza e vi sono corsi di Infanzia, Medie e Superiori), Padova e Torino (quest’ultimi solo superiori): gli insegnanti sono anche specializzati nella LiS o nel Sostegno ai disabili. E durante le lezioni gli alunni possono contrare sul supporto degli assistenti alla comunicazione: i facilitatori dell’apprendimento, ogni anno assunti attraverso bandi regionali.

Dal racconto della preside emerge uno “spaccato” scolastico di vera integrazione, con gli alunni udenti giudicati anche in base a quanto sono disposti ad accogliere e interagire con i compagni sordi: una realtà opposta alle scuole speciali, nella quale cade ogni forma di tabù rispetto all’accettazione dell’altro da sé.

A cura di Alessandro Giuliani

Iscriviti al canale @Tecnica della Scuola Seguici su https://www.tecnicadellascuola.it/​​​​ e sui nostri canali social: • Facebook: https://www.facebook.com/tecnicadella… • Instagram: https://www.instagram.com/tecnicascuola • Twitter: https://twitter.com/TecnicaScuola • I nostri corsi di formazione: https://corsi.tecnicadellascuola.it​

 

Notizia