Il bellissimo gesto a Meaux di questi commercianti per aiutare il loro figlio muto

0
24 Numero visite
PUBBLICITA

Maxime può finalmente farsi capire dai clienti dei suoi genitori. Da Marcel, il fruttivendolo nel quartiere del mercato di Meaux, i disegni traducono ogni verdura nella lingua dei segni

PUBBLICITA

Negli ultimi giorni sono comparsi divertenti disegni accanto a pomodori, insalate e altre patate, vendute da Chez Marcel, il fruttivendolo nel quartiere del mercato di Meaux. Su ciascuno un viso e delle mani che indicano il movimento. È l’associazione Signes et Paroles che è all’origine di questi disegni.

“Sono 3 anni che do lezioni di lingua dei segni a Marcel e Maria e mi è venuta l’idea di trascrivere, in immagini, la frutta e la verdura che vendono. Abbiamo fatto i disegni e voilà! ha commentato Thi-My Gosselin, presidente dell’associazione Signes et Paroles.

“Fortunatamente ci sono persone come Thi-My”
Maria e Marcel sono i genitori di Maxime, un giovane di 16 anni nato con un problema neurologico che gli impedisce notevolmente di parlare. La lingua dei segni è quindi un ottimo modo per i suoi genitori di comunicare con lui. “Maxime firma molto bene, ma avevamo bisogno dell’aiuto di Thi-My per imparare. Per fortuna ci sono persone come lei! “, continua il papà di Maxime.

I disegni, installati vicino a ciascun ortofrutta del punto vendita, sono anche un modo per sensibilizzare i clienti al linguaggio dei segni e alle difficoltà che le persone con problemi di udito o non verbali possono incontrare nella comunicazione quotidiana.

I clienti ora sanno come firmare la parola insalata nella lingua dei segni

“È anche un modo per non essere più escluso dalla società. Abbiamo fatto un vero e proprio percorso ad ostacoli per Maxime, per portarlo a scuola, per trovare i giusti professionisti, il giusto trattamento… Tutto è complicato, e anche l’MDPH [Dipartimento per le persone con disabilità, ndr] ci porta poco aiuto .’aiutanti’, si rammarica Maria. C’è da dire che la patologia di Maxime è piuttosto rara, attualmente in Francia sarebbero identificati solo due casi.

“Questo negozio è il suo mondo”

Oltre al desiderio di sensibilizzare i clienti sulla disabilità, per Thi-My Gosselin è diventato ovvio trascrivere la lingua dei segni nel proprio negozio: “questo negozio è l’universo di Maxime, è il suo mondo”.

I genitori aspettavano anche che il giovane spegnesse le sue 16 candeline per farlo lavorare in negozio, “verrà domenica, è una giornata tranquilla, i clienti spesso hanno più tempo, è impaziente”, respira il padre.

E con i cento disegni che l’associazione ha commissionato, non mancano le occasioni per discutere della lingua dei segni o delle migliori zucchine del momento! Alcuni clienti si sono già cimentati nella lingua dei segni con Marcel. Ma hanno notato chi serviva da modello per i disegni?

Pomodori nella lingua dei segni
Notizia