Cosa riserva il futuro ai disabili quando l’eutanasia sarà legale?

0
29 Numero visite
PUBBLICITA

PUBBLICITA

Come suggerisce la vignetta sopra, gli attivisti della disabilità temono che l’eutanasia possa diventare un’opzione più economica per l’assistenza medica.

In un documento di sintesi pubblicato dall’Anscombe Bioethics Center, nel Regno Unito, un esperto canadese di studi sulla disabilità sostiene che «sebbene l’espansione dell'[eutanasia e del suicidio assistito] sia stata motivata dal desiderio di porre fine alla sofferenza e rispettare l’autonomia, così facendo abbiamo creato un rischio significativo per le persone disabili in un mondo che in gran parte vede le loro vite come meno preziose, come inevitabili sofferenze e come non degne di essere vissute».

Il professor Tim Stainton, direttore del Canadian Institute for Inclusion and Citizenship , ritiene che una «eugenetica tranquilla» diventi più accettabile quando l’eutanasia e il suicidio assistito (EAS) saranno stati legalizzati.

In molti Paesi, i bambini con sindrome di Down vengono già abortiti dopo i test prenatali.

In Belgio e nei Paesi Bassi, l’eutanasia neonatale è tecnicamente illegale ma consentita in alcune circostanze. Il professor Stainton afferma che «un numero significativo di questi casi coinvolge neonati con condizioni e disabilità non pericolose per la vita e curabili dal punto di vista medico». Cita studi sugli atteggiamenti abilisti nella professione medica

Un recente sondaggio ha rilevato che l’82% dei medici praticanti negli Stati Uniti crede che «le persone con disabilità significative hanno una qualità di vita peggiore rispetto alle persone non disabili». Ciò rende «la pratica imparziale dell’EAS per quanto riguarda le persone disabili (…) altamente discutibile», scrive.

Gli atteggiamenti nei confronti dei disabili ignorano quello che gli studiosi hanno definito «il paradosso della disabilità» – che «molti con disabilità persistenti e gravi riferiscono di vivere un’esperienza che va da una qualità di vita buona a un’eccellente». Ma le persone con un pregiudizio abilista non sono in grado di apprezzarlo.

Per tornare al messaggio della vignetta, il Professon Stainton scrive che «una preoccupazione fondamentale della comunità dei disabili è che le persone cercheranno di accedere all’EAS perché non sono in grado di garantire il grado o i tipi di sostegno e alloggio per la disabilità di cui hanno bisogno per vivere a pieno regime e a una vita con significato».

Cosa riserva il futuro ai disabili nei paesi con EAS?

Il professor Stainton teme che l’ampio sostegno pubblico alle «uccisioni per misericordia» creerà un clima in cui i genitori potranno far sopprimere i bambini disabili.

«Non è nemmeno inconcepibile che le famiglie con controllo o influenza sul processo decisionale scelgano EAS per i loro figli di fronte a barriere insormontabili per assicurarsi sostegni appropriati».

Michael Cook

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Immagine da BioEdge di Amy Hasbrouck, membro del consiglio di Not Dead Yet negli Stati Uniti e direttrice di Toujours Vivant-Not Dead Yet, un progetto del Council of Canadians with Disabilities

 

 

Notizia