Ascolta i segni, nasce a Saint-Quentin una nuova associazione dedicata ai sordi e udenti

L'associazione Ascolta i segni permetterà ai sordi di non rimanere isolati. Il kick-off meeting è stato un successo a Saint-Quentin

0
14 Numero visite
Una sessantina di persone si sono radunate per questa prima
PUBBLICITA

Con sorpresa di tutti, il primo incontro di venerdì 16 settembre, svoltosi presso il ristorante l’Univers, ha superato ogni aspettativa.

PUBBLICITA

Diverse decine di persone si sono accalcate per assistere al lancio quasi ufficiale della futura associazione Listen to Signs. La domanda c’è e così sono i desideri.

Tutto è iniziato con una semplice osservazione da parte dell’ufficiale di polizia municipale, Clémence Bendier, della brigata di prevenzione. Ritorna su una storia che l’ha particolarmente toccata: “Come parte del mio lavoro, ho dovuto incontrare bambini sordi alle elementari e non potevo comunicare direttamente con loro. Mi sono ritrovato impotente. La mia gerarchia ha accettato la mia richiesta di formarmi nella lingua dei segni e mi alleno da un anno, ma come tutte le lingue, devi esercitarti per mantenere ciò che hai imparato. »

La giovane ha deciso di spingersi ancora oltre rilanciando i sign cafe o i sign bar, ovvero dei regolari luoghi di ritrovo in città che permettano alle persone sorde di condividere momenti di convivialità e di non rimanere isolate, soprattutto dopo questo periodo di crisi sanitaria.

L’importanza di un’associazione mista
L’avventura non si ferma qui da quando Clémence Bendier ha incontrato Théo Bendier, un giovane sordo ei due hanno deciso di creare l’associazione Ascolta i segni.

L’idea è davvero quella di accogliere sia persone sorde che udenti. “Volevamo davvero un mix perché penso che tutti saranno vincitori”, ha detto Clémence Bendier. L’idea sarebbe quindi quella di introdurre le persone udenti alla lingua dei segni. Alcuni documenti sono stati anche distribuiti per conoscere i segni di base.

Gli statuti della futura associazione sono stati appena depositati in sottoprefettura e l’associazione sarà ufficializzata nelle prossime settimane. Una volta che tutto è a posto, si possono organizzare snack ma anche uscite per non udenti e udenti.

Il primo incontro di venerdì, coronato da un successo, ha quindi permesso a una sessantina di persone di conoscere il futuro ufficio dell’associazione ei progetti.

E’ previsto che i futuri soci si incontrino regolarmente per continuare ad organizzare insegne bar o insegne caffè. La quota annuale sarà fissata in 20 euro annui a persona.

Info Facebook: Bar Signes Saint-Quentin 02

 

Notizia