Gavin Lilley: Da clown di classe a cabarettista internazionale, il comico sordo in una vita di risate

0
17 Numero visite
PUBBLICITA

Quando è sul palco, Gavin Lilley ha fretta. Il comico sordo di 40 anni ama far ridere la gente – ed è qualcosa che fa da quando era un bambino “sfacciato”.

PUBBLICITA

di Oliver Barker

“Ricordo di aver raccontato barzellette a un piccolo gruppo di amici e quello che era iniziato come un piccolo gruppo è diventato un gruppo sempre più grande e più grande man mano che sempre più persone si interessavano mentre passavano. Ed era come, ‘oh, wow, la gente si stava davvero godendo quello che ho da dire’… è questo com’è sentirsi popolari?” dice Lille.

Ma nonostante fosse “il clown della famiglia”, non ha mai creduto di poter fare della commedia una carriera fino a quando non ha visto il comico sordo John Smith.

“Penso di essere stato poco più che ventenne. E ho pensato che fosse davvero bravo e che penso che abbia piantato un seme che questo era qualcosa che era possibile per me”, dice.

Da bambino, il comico Gavin Lilley dice di essere stato sfacciato e il “pagliaccio della famiglia” (Foto: in dotazione)

Oggi è un comico internazionale e uno degli attori principali del programma del Festival dei sordi di Edimburgo appena lanciato.

Organizzato dall’organizzazione benefica guidata dai non udenti Deaf Action e in collaborazione con la Edinburgh Fringe Society, il programma includerà drammi, magia, commedia, cabaret, tour e mostre e persino un rave per non udenti. Nata da genitori sordi, Lilley è cresciuta con due sorelle udenti più grandi, ma dice che la famiglia usa la lingua dei segni britannica (BSL) come prima lingua. Lilley dice: “Abbiamo avuto tutti accesso sin dal primo giorno. Questo non è vero per la maggior parte delle persone sorde. E riconosco di essere molto fortunato ad aver avuto la lingua dei segni sin da quando sono nato”.

Come padre di tre figli con una figlia di cinque anni, che è una coda, un figlio di adulti sordi e due figli sordi, di quattro e due anni, anche la lingua dei segni è stata al centro della famiglia di Lilley. E mentre è consapevole delle sfide che i suoi figli devono affrontare, è ottimista riguardo al futuro.

“Crescendo, devo dire che abbiamo dovuto affrontare un sacco di stigma e penso che ci fossero molte barriere che abbiamo sperimentato come persone sorde. Anche se oggi le cose non sono perfette, è molto meglio di com’era quando stavo crescendo. Penso solo che la nostra capacità di accedere alle cose sia molto più migliorata ora di quanto non sia stato. Come molti altri comici, Lilley prende le sue esperienze e le usa come ispirazione per il suo standup.
Il suo spettacolo Perspectives fornisce uno spaccato della sua vita di persona sorda che naviga in un mondo uditivo.

Una delle sue battute ruota attorno alla convinzione diffusa che la firma sia universale a livello internazionale, ma non lo è. “Vedrai alcuni esempi di vere esperienze di vita reale che ho avuto che sono state in realtà piuttosto imbarazzanti in quanto segni diversi significano cose diverse. Questa è la prova definitiva che la lingua dei segni non è universale”, dice ridendo.

Il segno BSL per “merda” significa “fattoria” in finlandese SL, il segno BSE per “sesso” è “amico” in olandese SL e “Importante” in tedesco SL è la f-parola in BSL.

I concetti che si perdono nella traduzione sono qualcosa di cui Lilley è consapevole quando si esibisce in un pubblico con persone udenti e fa tradurre la sua lingua dei segni in inglese. “Queste sono queste sono cose aggiuntive di cui sono consapevole e a cui non credo che molti fumettisti abbiano mai dovuto pensare”. Sul palco quando si esibisce contemporaneamente a un pubblico non udente e udente, lavora con un interprete, Adrian Bailey, che ha tradotto dal vivo questa intervista tramite Zoom, per comunicare il suo materiale a coloro che non conoscono la lingua dei segni.
La connessione della coppia è così perfetta che Lilley ammette che a volte dimentica che Adrian è lì.

BSL non segue le stesse regole grammaticali della lingua inglese, quindi i due devono lavorare insieme per assicurarsi che le battute vadano bene. “Se riesco a vedere le persone che ridono al momento giusto, allora quel tipo di feedback mi fa sapere se devo accelerare la mia firma, devo rallentare. “È una sensazione davvero, davvero adorabile vedere le persone che si divertono ed essere il motivo per cui si stanno divertendo… È davvero una bella sensazione.”

 

Notizia