Un bambino poteva sentire per la prima volta dopo un rivoluzionario avvio remoto dei suoi impianti cocleari.

Gli audiologi di Southampton hanno attivato i dispositivi della 18enne Margarida Cibrao-Roque via Internet perché non sono in grado di vedere i pazienti di persona a causa delle misurazioni di Covid-19.

La professoressa Helen Cullington ha affermato che la procedura ha richiesto “creatività tecnica”.

Il padre di Margarida disse che aveva “aperto una grande finestra” per sua figlia.

Margarida, sorda sin dalla sua nascita perché ha la sindrome di Ushers di tipo 1, aveva ricevuto i suoi impianti cocleari durante un’operazione precedente.

Copyright dell’immagine
Università di Southampton
leggenda
Il professor Cullington ha effettuato l’accensione a distanza da casa sua

Si tratta di dispositivi elettronici con un processore vocale esterno per captare il suono, che viene quindi trasmesso sotto forma di segnali elettrici a un dispositivo interno posizionato all’interno dell’orecchio interno. Il cervello interpreta questi segnali come suono.

Il personale del servizio di impianto uditivo dell’Università degli Studi di Southampton (USAIS) ha utilizzato software specializzato e ha potuto seguire i progressi compiuti dal collegamento video alla casa di famiglia a Camberley, nel Surrey.

Durante l’accensione, i livelli di stimolazione elettrica aumentavano gradualmente e le risposte di Margarida venivano costantemente monitorate.

“Semplicemente geniale”

Si spera che i suoi nuovi impianti cocleari lo aiuteranno ad ascoltare e comunicare più facilmente nel tempo.

La madre di Margarida, Joana Cibrao, ha dichiarato che la squadra è “semplicemente fantastica e ci è riuscita” nonostante le restrizioni di blocco.

“La possibilità che Margarida mi chiamerebbe mamma un giorno significherebbe il mondo”, ha detto.

“Possiamo parlare con nostra figlia, giocare con lei – sa guardare la TV, le cose che dai per scontate, non l’ha fatto, quindi sai, è davvero una vittoria.”

 

Notizie via email