Stefanos Tsitsipas sa vincere anche… da sordo

0
374 Numero visite
Pubblicità

Pubblicità

Non capita certo spesso che un tennista scenda in campo senza sentire praticamente nulla da un orecchio: è quello che è invece successo a Stefanos Tsitsipas, che ha esordito a Tokyo contro il padrone di casa Taro Daniel con l’orecchio destro quasi totalmente fuori uso, dopo che dell’acqua gli era penetrata dentro qualche giorno prima.

Nonostante questo handicap, il greco non ha avuto problemi a rifilare un netto 6-1 6-3 al suo avversario e ad assicurarsi un secondo turno di lusso contro un altro next gen, Alex De Minaur. “Posso sentire appena qualcosa dall’orecchio destro” ha dichiarato sorridendo Tsitsipas in conferenza stampa.

Negli ultimi due giorni è stato strano conviverci in campo, ma sono riuscito a giocare molto bene malgrado questo problema. Uno dei miei obiettivi era scendere in campo e fare semplicemente il mio gioco, senza pensare di avere questo fastidio all’orecchio”.

Ho giocato un tennis percentuale” ha ancora spiegato il giovane greco. “Ho fatto tutto giusto in campo. Ho preso le giuste decisioni, ho giocato con fiducia, credendo nei miei colpi, credendo nelle mie scelte per la maggior parte del tempo.

So che lui è un ottimo giocatore, perciò ho avuto un approccio alla gara molto, molto positivo. Ero davvero concentrato nei primi game della partita, cercando di ottenere break, di partire con più break possibili di vantaggio perchè sapevo che lui avrebbe lottato e me l’avrebbe fatta sudare.

Dovevo soltanto eseguire il mio piano di gioco prima possibile”. Più complicato invece l’esordio di Richard Gasquet, che ha dovuto annullare quattro set point a Denis Kudla nel primo set, per poi dilagare nel secondo.

Il primo set è stato molto duro. Ho salvato molti set point, e questo ha fatto la differenza nel match” ha detto il francese. “Ovviamente se lui avesse vinto il primo set, sarebbe stato poi un match totalmente diverso, ed è per questo che sono molto felice di avercela fatta.

Abbiamo sprecato molte energie nel primo set, per questo era importante vincerlo per giocare poi il secondo in fiducia“. .

https://www.tennisworlditalia.com/

Notizia