Assistenza scolastica a rischio per bimbi ciechi

0
847 Numero visite

Un appello accorato dell’Unione Italia Ciechi con la Provincia di Verona per garantire il diritto allo studio per bambini ipovedenti e sordi. Il servizio di integrazione scolastica infatti potrebbe essere interrotto in qualsiasi momento, poiché la riforma delle provincie ha tolto sia soldi che competenze.

Ciechi_1Regioni limitrofe come Lombardia ed Emilia Romagna hanno già affrontato e risolto il problema con fondi propri.Il fondamentale servizio, attualmente continua solo grazie alla buona volontà delle province che provvedono pur non avendone più le competenze ed essendogli stati tagliati i fondi. Ma questi bambini, che sono centinaia, non saranno lasciati soli.

La Provincia infatti si è attivata con il presidente Pastorello in testa per garantire il giusto sostegno. Integrazione scolastica vuol dire lettori ripetitori in famiglia, adattamento testi in braille o ingranditi, materiali didattici speciali, ausili tecnologici, cose fino ad ora garantite dalle Province e che adesso spettano alla Regione. Le associazioni venete rappresentative dei ragazzi disabili della vista e dell’udito e delle loro famiglie hanno deciso di organizzare per domani una manifestazione regionale di protesta, a Venezia, dove ha sede il Consiglio Regionale Veneto.

http://www.tgverona.it

Newsletter