Gioielli per i non udenti: così trasformano i suoni in luci e vibrazioni

0
556 Numero visite

Ausili per la sordità trasformati in gioielli e accessori di moda, grazie al design che si integra alle tecnologie: sono gli oggetti della collezione “Quietude”, nata da un progetto del Fab Lab dell’Università di Siena sotto la direzione della professoressa Patrizia Marti, con la collaborazione di Glitch Factory, T4All, Siena Art Institute e University of Southern Denmark.

Guarda il video

La collezione Quietude è riuscita nell’intento di offrire strumenti di alta tecnologia dedicati alle donne sorde, integrando attraverso il design le esigenze estetiche, con un risultato che punta alla funzione senza rinunciare alla bellezza.

I gioielli e gli accessori interattivi della collezione permettono a chi li porta di fare esperienza del suono attraverso il corpo. In pratica, gli accessori rilevano i suoni ambientali e li traducono in vibrazioni, luci o cambiamenti di forma delle loro componenti, rendendoli percepibili da chi li indossa, attraverso sensi diversi dall’udito. Spiega la professoressa Marti: “Il design della collezione è guidato dall’idea che gli ausili per la disabilità non debbano essere progettati soltanto nelle loro caratteristiche funzionali, ma debbano rispettare il desiderio di bellezza, benessere e comfort della persona, riducendo l’impatto negativo della disabilità.

Anche nel percorso del lavoro che ha condotto alla realizzazione dei gioielli l’esigenza della persona è stata posta al centro: alcune donne sorde sono infatti state coinvolte nelle varie fasi della progettazione, utilizzando metodologie di co-design”. La collezione è corredata da un’applicazione per smartphone con la quale è possibile registrare suoni significativi, che vengono poi notificati alla persona che indossa il gioiello tramite le proprietà interattive di quest’ultimo.

Ogni gioiello è quindi personale e personalizzabile. Video di Paolo Lazzeroni

https://www.lanazione.it

Notizie via email