Conigli torturati e dissanguati tra atroci sofferenze, mentre altri ancora vivi cercano di fuggire urlando: le immagini choc dell’inchiesta sui macelli

0
104 Numero visite

Le immagini che Animal Equality ha registrato sotto copertura in un macello artigianale di conigli a Queretaro, in Messico, svelano le peggiori crudeltà ad animali ancora vivi e coscienti. I Paesi europei che producono e consumano più carne di coniglio sono la Spagna, l’Italia e la Francia

Conigli immobilizzati, maltrattati, torturati prima di essere sgozzati e scuoiati vivi davanti ad altri conigli ancora vivi che cercano di fuggire urlando. “Se i macelli avessero le pareti di vetro saremmo tutti vegetariani”, scriveva Lev Tolstoj. Eppure le immagini che Animal Equality ha registrato sotto copertura in un macello artigianale di conigli a Queretaro in Messico svelano che le peggiori crudeltà ad animali ancora vivi e coscienti vengono fatti in un luogo con pareti addirittura trasparenti, praticamente alla luce del sole. Per l’ennesima volta, quindi, dopo quelle di Essere Animali e Lav, altre immagini terrificanti grondanti sangue e violenza provengono da un luogo di allevamento e macellazione di animali usati poi come cibo. Come spiega Animal Equality “ogni anno, l’industria zootecnica messicana macella per il consumo umano più di 1 milione di conigli. Questi animali, negli allevamenti, non sono protetti da alcuna legge e subiscono una serie di pratiche che provocano loro gravi sofferenze”. È paradossale sottolinearlo, ma anche la più minima richiesta di legge – lo stordimento prima dell’uccisione – viene rapidamente saltata ed elusa in una corsa a chi è più veloce a sgozzare e scuoiare.

“I conigli non vengono storditi prima della macellazione e vengono lasciati appesi, ancora coscienti, per un tempo superiore a quello consentito”, scrivono quelli di AE nel loro comunicato che accompagna foto e video dell’inusitata mattanza. In pratica a Queretaro i conigli trascorrono la loro intera esistenza all’interno di gabbie così piccole da impedire loro i movimenti più naturali. Spesso all’interno di una stessa gabbia il sovraffollamento è tale che decine di conigli vivono ammassati gli uni sugli altri, in contatto diretto e prolungato con urine ed escrementi sul pavimento e senza un’adeguata ventilazione dell’ambiente circostante. Dopodiché giunge la loro fine mentre vengono afferrati per la schiena o per il collo per essere gettati in modo violento nelle gabbie, sbattuti contro le sbarre e immobilizzati dagli operatori: niente stordimento, quindi, con conigli che ancora coscienti vengono appesi ai ganci del mattatoio, dissanguati tra atroci sofferenze, davanti ad altri conigli che attendono il loro turno urlando e tentando di liberarsi.

Finale del film horror: la carne di queste povere bestie diventa il coniglio che finisce in mille confezioni più o meno industriali anche sulle tavole europee. “I gravi abusi fisici e psicologici che abbiamo documentato in Messico sono terribili ma non rappresentano un caso isolato. Abbiamo filmato gli stessi maltrattamenti sui conigli anche in Italia e Spagna e in tutti gli allevamenti indagati c’è un elemento comune: il trattamento crudele degli animali – dichiara Matteo Cupi, Vicepresidente di Animal Equality Europa – Le prove raccolte dimostrano ancora una volta quello che tutti sappiamo: lo sfruttamento degli animali a scopo alimentare è incompatibile con il benessere di questi ultimi, che subiscono violenze sistematiche e uccisioni brutali”.

Ricordiamo che l’Unione europea è il secondo produttore al mondo di conigli dopo la Cina. I Paesi europei che producono e consumano più carne di coniglio sono la Spagna, l’Italia e la Francia, che nel complesso coprono il 60% della produzione europea. L’Italia, da sola, nel 2023 ha macellato circa 14,5 milioni di conigli, con una concentrazione più elevata tra Veneto ed Emilia-Romagna. Ma secondo i dati Ismea, solo due famiglie su 10 comprano la carne di questi animali, considerati da molti come animali domestici.

di Redazione Il Fatto Quotidiano
di Davide Turrini

 

Notizie nella posta

Riceverai nella tua posta tutti gli aggiornamenti sul mondo
di MP Iscriviti gratuitamente ⤹